Ryan Hunter-Reay e Carlos Munoz hanno ribadito anche nella terza giornata di prove libere della Indy 500 l‘ottimo stato di forma dell’Andretti Autosport.

Il nativo della Florida ha fermato i cronometri sulla media di 228.202 mph nelle prime fasi della sessione, graziata da un clima fresco ma soleggiato, prima di dedicarsi a simulazioni di gara, insieme alle altre vetture del team.

Ma l’evento principale della giornata è stato sicuramente l’incidente di cui è rimasto vittima Spencer Pigot. Il campione Indy Lights in carica ha perso la macchina all’uscita della curva 1, sbattendo con l’anteriore. Nessuna conseguenza grave né per il pilota, né per la DW12-Honda del team Rahal Letterman Lanigan.

Altre due vetture hanno subito noie tecniche, quelle di Mikhail Aleshin e di Matthew Brabham. Le due macchine sono rimaste lungo il circuito, causando altrettante interruzioni.

Tornando ai risultati in pista, Will Power ha primeggiato tra la macchine motorizzate Chevy, P3 pur senza arrivare alle 228 mph, seguito a ruota da Josef Newgarden e dalla sorpresa Gabby Chaves.

Ancora un’ottima prestazione da parte di Townsend Bell, P7, mentre tra i rookie ha svettato ancora una volta Alexander Rossi, 15mo.

Le prove libere proseguiranno ancora nella giornata di domani e venerdì, in attesa delle qualifiche di sabato e domenica.

Piero Lonardo

I risultati delle Libere 3

La classifica combinata aggiornata delle Libere 


Stop&Go Communcation

Hunter-Reay e Munoz, ancora uno-due per Andretti

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2016/05/Pigot_crash1.jpg IndyCar – Indy 500, Libere 3: Pigot il primo a muro