Migliorano le condizioni di James Hinchcliffe. Il pilota canadese, volato all’uscita della curva 3 nelle ultime libere di lunedì, è stato dichiarato fuori pericolo e non necessiterà di ulteriori interventi dopo l’operazione all’area pelvica e alla coscia destra sostenuto all’Indiana University Health Methodist Hospital di Indianapolis nelle ore successive l’incidente.

Frattanto si sono appresi maggiori particolari sulle cause dello schianto. Secondo fonti ufficiali avrebbe ceduto nientemeno che la sospensione anteriore destra della DW12-Honda dello Schmidt Peterson Motorsports, rendendo la monoposto inguidabile a oltre 220 mph (oltre 350 kmh!).

Il triangolo superiore della sospensione sarebbe poi entrato profondamente all’interno della coscia. Solo il tempestivo intervento della Holmatro Safety Team ha evitato conseguenze ben più gravi per il simpatico “Mayor of Hinchtown”, che ora ha davanti un lungo recupero e la riabilitazione.

Al posto di Hinchcliffe dovrebbe essere il veterano Ryan Briscoe ad occupare il sedile della #5 nella 99ma edizione della Indy 500. Come da regolamento, Briscoe, polesitter 2012, partirà dal fondo dello schieramento a fianco di James Davison, la cui vettura ricordiamo è stata qualificata da Tristan Vautier a causa di impegni concomitanti assunti in precedenza.

Piero Lonardo


Stop&Go Communcation

Maggiori dettagli sull’incidente del pilota dell’SPM

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2015/05/05-19-Hinchcliffe-Pylon-Message-Std.jpg IndyCar – Indy 500: Hinchcliffe migliora. Al suo posto Briscoe