Non saranno né Will Power né Ryan Hunter-Reay a partire davanti a tutti domani nella MAVTV 500, ultima prova dell’IndyCar Series 2012, e che aggiudicherà in una spettacolare cornice serale, il campione. La lotta infatti si è trasferita ai teammates dei due contenders, con Marco Andretti che ha siglato nelle qualifiche la miglior media sui 2 giri con 216.069 mph, precedendo di un soffio Ryan Briscoe, il più veloce in mattinata.

Power si è classificato terzo e Hunter-Reay solo 17mo, ma la griglia di partenza sarà inficiata da una serie senza precedenti di penalizzazioni, che investiranno oltre metà dello schieramento, tutti per utilizzo del sesto motore ovvero del cambio anticipato dello stesso.

Al momento saranno sicuramente arretrati Helio Castroneves, gli stessi Power ed Hunter-Reay, Josef Newgarden e Scott Dixon, rispettivamente quarto e quinto in qualifica, la new entry Wade Cunningham, Takuma Sato, Justin Wilson, protagonista di un violento crash in mattinata alla curva 1 a causa del quale ha dovuto saltare le qualifiche, Graham Rahal, Simona de Silvestro, Charlie Kimball, Simon Pagenaud, Alex Tagliani, sesto, e James Hinchcliffe.

Dietro Andretti, alla seconda pole in carriera, e Briscoe, stante la situazione attuale, dovrebbero quindi schierarsi Tony Kanaan e JR Hildebrand, in seconda fila, Ed Carpenter e Rubens Barrichello in terza, Katharine Legge e Oriol Servia in quarta, Dario Franchitti e Sebastian Saavedra in quinta.

Nel tardo pomeriggio locale di oggi, corrispondente alla notte italiana tra venerdì e sabato, l’ultima sessione di prove libere per abituare i piloti alle diverse condizioni di luce, mentre l’attesissimo season finale inizierà alle 5.45 PM di domani, ora locale.

Piero Lonardo

I risultati delle libere

I risultati delle qualifiche


Stop&Go Communcation

Non saranno né Will Power né Ryan Hunter-Reay a partire davanti a tutti domani nella MAVTV 500, ultima prova dell’IndyCar […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/09/And.jpg IndyCar – Fontana, Libere e Qualifiche: Pole per Marco Andretti, tante penalizzazioni