Graham Rahal si aggiudica la MAVTV 500, 12ma prova dell’IndyCar Series 2015 sull’ovale di Fontana, California.

La gara è stata avvincente, con oltre 80 cambi di leadership, che hanno coinvolto ben 14 piloti. Le 23 DW12 in gara si sono trovate praticamente per tutta la gara in clima di “pack racing”, con le macchine spesso in situazione di threewide o addirittura fourwide.

Diversi driver, tra cui Will Power, eliminato da Takuma Sato a 9 giri dalla fine in un crash che ha portato ad una sospensione momentanea della gara, e Tony Kanaan, secondo sul traguardo, hanno avuto parole dure nei confronti dell’organizzazione e di questo modo di correre, ricordando le tragiche conseguenze di Las Vegas 2011. Grande spettacolo quindi ma grande difficoltà per i piloti.

Tornando all’aspetto tecnico, Rahal è risalito dalla 19ma posizione in griglia, mostrandosi tra i primi già intorno alla metà gara. Fino a quel momento erano stati Helio Castroneves, Tony Kanaan, Juan Pablo Montoya, Marco Andretti, Takuma Sato e Will Power ad alternarsi al comando.

Il primo colpo di scena al lap 136 di 250, con Castroneves che perde il duello di testa proprio su Rahal, appena affacciatosi al comando, e si tocca con Ryan Briscoe quel tanto che basta per farlo girare. Gara finita per il brasiliano e discutibile drive-through per il sostituto di lusso sulla macchina di Hinchcliffe.

Seconda caution al giro 159, con il contatto fratricida tra le vetture del CFH Racing di Ed Carpenter e Josef Newgarden. Poco dopo il pit-stop che farà discutere a lungo, con Rahal che esce col bocchettone dell’etanolo ancora inserito a causa di un errore della crew RLL; nessuna sanzione per il pilota, con una nuova caution che raffredda nuovamente gli animi dei piloti di testa.

Poi nell’ultimo quinto di gara libera, è lotta al coltello fra Power, Andretti, Rahal, Kanaan, Ryan Hunter-Reay, che conduce i primi giri di questa sfortunata stagione 2015, e Ryan Briscoe.

L’australiano resiste alla corda per parecchie tornate e sembra avviato verso la vittoria, ma Rahal di potenza riesce ad avere la meglio poco prima del crash che toglie di mezzo Power e Sato.

Nella “gara-nella-gara” dei 5 giri finali, Rahal riesce a mantenere la corda su Kanaan e Briscoe, mentre da dietro avanzano Hunter-Reay, Karam e soprattutto Marco Andretti, che hanno tentato la carta del pit per avere gomme fresche. L’inseguimento però durerà pochissimo per il duro contatto fra Hunter-Reay e Ryan Briscoe, autore di un volo spettacolare ma fortunatamente senza conseguenze, che induce la sesta ed ultima caution ad un giro dalla fine.

Così è Graham Rahal ad aggiudicarsi la seconda gara in carriera – interrompendo così una striscia negativa che durava da ben 124 gare – davanti a Tony Kanaan e Marco Andretti. Quarto Juan Pablo Montoya, che con questo piazzamento allunga in classifica generale con 407 punti contro i 361 di Will Power ed i 358 di Scott Dixon, sesto dietro il rookie Sage Karam, autore ancora una volta di una gara maiuscola, e i 334 di Rahal.

Completano la top ten James Jakes, Charlie Kimball, Simon Pagenaud e Jack Hawksworth.

Prossimo appuntamento con l’IndyCar fra due settimane sull’ovale di Milwaukee.

Piero Lonardo

L’ordine di arrivo


Stop&Go Communcation

Power e Castroneves out, Montoya allunga in classifica

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2015/06/06-27-Rahal-On-Course-Fontana-Std.jpg IndyCar – Fontana, Gara: Rahal nel trionfo del “pack racing”