L’IndyCar fa il verso alla Formula 1 e decide di modificare i punteggi assegnati a piloti e costruttori della serie sponsorizzata dal colosso delle telecomunicazioni Verizon.

Il nuovo format, che prenderà il via dalla prima gara del 2014, il Grand Prix di St. Petersburg del 30 marzo, sostanzialmente premierà le 500 miglia. In dettaglio, verranno assegnati punti doppi nei 3 eventi da 500 miglia, quelli che lo scorso anno concorrevano alla “Triple Crown”, vale a dire, le 500 miglia di Indianapolis, Pocono e Fontana.

Questa la distribuzione normale del punteggio (50-40-35-32-30-28-26-24-22-20-19-18-17-16-15-14-13-12-11-10-9-7-6-5 per tutti dal 25mo classificato in poi). Nelle 500 miglia si tramuterà in 100-80-70-64-60-56-52-48-44-40-38-36-34-32-30-28-26-24-22-20-18-16-14-12-10 dal 25mo in poi)

In più verranno assegnati punti anche per la due giorni di qualifiche della Indy 500 del 17-18 maggio  prossimi (da 33 a 1 in ordine), più  bonus per chi raggiunge la Fast Nine Shootout (da 9 a 1).

Il campionato dei costruttori assegnerà gli stessi punti dei primi cinque piloti classificati in ogni gara, purchè utilizzino uno dei cinque motori previsti per la stagione.

La serie ha inoltre rivisto anche il meccanismo delle penalizzazioni. Innanzi tutto i piloti costretti a cambiare motore prima del limite consentito non verranno più arretrati di 10 posizioni in griglia, bensì verrà penalizzato con 10 punti il costruttore. La penalità per un cambio non autorizzato verrà scontata la gara successiva, dove il pilota sarà costretto a partire dal fondo dello schieramento, esclusa ancora una volta la Indy 500, dove non verranno assegnate penalità di sorta, che verranno posposte alla gara successiva.

Inoltre, ogni motore del costruttore che raggiungerà le fatidiche 2.500 miglia verrà inoltre premiato con 10 punti extra, mentre verranno attribuiti

Infine punti (2 punti) anche al costruttore che condurrà il maggior numero di giri in gara e che condurrà almeno un giro (1 punto), e per la pole position (1 punto). Riguardo le qualifiche farà eccezione la Indy 500, dove verranno attributi i punti dei primi 5 classificati delle due giornate di qualifica.

L’intenzione degli organizzatori è di fare crescere di importanza le 500 miglia in generale e Indy in particolare, in una schedule risultata sin dalla presentazione molto sbilanciata verso i circuiti stradali/permanenti, con solo 6 corse su ovali su 18 totali.

Piero Lonardo

La schedule dell’IndyCar 2014


Stop&Go Communcation

Punti doppi per le 500 miglia e alle qualifiche della Indy 500. Nuovo sistema per I costruttori

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2014/03/Indy500start1.jpg IndyCar – Cambia il sistema dei punti