La Indy Racing League ha confermato ieri l’adozione di una classifica di specialità con relativo trofeo e premio in denaro, onoreficenza che verrà assegnata già da quest’anno a colui che avrà raccolto più punti o nei circuiti di tipo ovale o in quelli stradali e cittadini, senza tener conto della pozione finale nella graduatoria generale di campionato.

L’idea viene proprio dal nuovo presidente della IRL Randy Bernard e ad Indianapolis si spera che questa speciale classifica di specialità possa aiutare i piloti part-time con la ricerca degli sponsor in modo da concentrare gli sforzi solamente nella disciplina desiderata, come ad esempio potrebbe succedere nel caso di Sarah Fisher, votata totalmente alle corse su ovale. Dei diciassette round in programma, nove si svolgono in circuiti stradali e cittadini e le restanti otto sono divise tra superspeeway, speedway di un miglio e mezzo e short-track.

Ognuno dei due trofei in palio sarà intitolato ad un pilota che ha fatto la storia della IndyCar, probabilmente il trofeo per il campione degli ovali avrà il nome di A.J. Foyt e quello degli stradali porterà il marchio di Mario Andretti. Durante il week-end del 3-5 Giugno al Texas Motors Speedway sarà presentato il trofeo per i circuiti ad ‘anello’, mentre nel week-end del Glen il 3-4 Luglio ci sarà la presentazione del trofeo per il campione dei circuiti tradizionali.

Roberto Del Papa


Stop&Go Communcation

La Indy Racing League ha confermato ieri l’adozione di una classifica di specialità con relativo trofeo e premio in denaro, […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/villeneuve2-lg-copy.jpg IndyCar – Arrivano i trofei di specialità che incoroneranno il campione degli ovali e dei circuiti stradali