Ci sarà un volto nuovo tra i 22 che animeranno l’undicesimo appuntamento dell’IndyCar Series 2016 a Mid-Ohio. Si tratta di RC Enerson, che occuperà il sedile della DW12-Honda del Dale Coyne Racing che durante la stagione è già stato di Luca Filippi e Gabby Chaves.

Il team di Plainfield ha accomodato il giovanissimo pilota di Port Richey, Florida, una stagione e mezza di Indy Lights alle spalle, vincitore in precedenza a Mid-Ohio sia in USF 2000 che in Indy Lights, dopo una giornata di test sul tracciato del Midwest, dove giovedì scorso si è confrontato non solo con gran parte dei “regular”, ma anche con altri rookies.

Oltre ai vari Bourdais, Rahal, Sato, Hawksworth, Castroneves, Montoya, Power, Pagenaud, Kanaan, Pigot, Hildebrand, Daly, erano infatti presenti Felix Rosenqvist, che ha avuto il piacere di assaggiare la monoposto di Scott Dixon del Team Ganassi, Robin Frijns sulla #28 di Ryan Hunter-Reay, e infine Jack Harvey e Zachary Claman de Melo, attivi sulle macchine dello Schmidt Peterson Motorsports.

Ed è stata proprio quest’ultima squadra a rendere noto, all’indomani dell’annuncio ufficiale dell’ingaggio, di avere intentato azione legale contro il padre di Enerson, reo di avere abbandonato il team dopo la Freedom 100 senza rispettare gli accordi economici preesistenti.

E’ invece notizia freschissima che gli attuali piloti che militano in Indy Lights per l’Andretti Autosport (Dalton Kellett, Dean Stoneman e Shelby Blackstock) potranno invece testare le DW12-Honda del team a Watkins Glen l’11 agosto prossimo.

Notizia altrettanto fresca è invece quella dell’abbandono dell’IndyCar da parte dello sponsor Target, legato al Team Ganassi da ben 27 anni, al termine della stagione in corso.

Con il marchio della compagnia di Minneapolis hanno corso Jimmy Vasser e Alex Zanardi, con cui il team Ganassi ha conquistato i primi tre titoli consecutivi nell’allora CART dal 1996 al ‘99, poi ancora Juan Pablo Montoya, campione 1999 e vincitore anche della prima Indy 500 per il team l’anno successivo, e a seguire Dario Franchitti e Scott Dixon, l’attuale campione in carica, per altri sette titoli IndyCar e altre tre Indy 500.

Infine, il circuito di Snetterton intitolerà una curva a Justin Wilson. Il nome del pilota deceduto lo scorso agosto sul triovale di Pocono d’ora in poi identificherà il tornantino del tracciato inglese, fin qui denominato “Montreal”.

Il direttore del circuito, l’ex-pilota Jonathan Palmer, padre del Jolyon campione GP2 nel 2014 e attualmente impegnato in F1 con il team Renault, era infatti molto legato al sette volte vincitore IndyCar, che trionfò nella prima edizione della formula addestrativa Palmer Audi e che guidò a sua volta verso la massima formula.

Appuntamento in pista per dare la caccia al leader Simon Pagenaud con le prime libere, nella mattinata di venerdì 29 luglio, alle 9.15 AM. Qualifiche sabato alle 2.00 PM e gara domenica a partire dalle 2.45 PM, sempre ora locale.

Piero Lonardo

L’Entry List di Mid-Ohio 


Stop&Go Communcation

Target lascia l’IndyCar e le monoposto del Team Ganassi dopo ben 27 anni

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2016/07/Enerson2.jpg IndyCar – A Mid-Ohio debutta RC Enerson