Santiago Urrutia torna alla vittoria in gara-2 a Toronto nel dodicesimo appuntamento dell’Indy Light Series 2018. L’uruguagio, al secondo successo stagionale, ha trionfato in una gara fuori dall’usuale.

Il primo colpo di scena lo fornisce Colton Herta, costretto a partire dai box. Il giovane figlio d’arte ha visto infatti aggravarsi il danno al polso sinistro rimediato nella mattinata di sabato a causa del contatto che lo ha estromesso da gara-1 e, nonostante il benestare dei medici, ha preferito limitare al minimo la sua partecipazione al secondo round del doubleheader canadese, rientrando ai box dopo una sola tornata.

Incredibilmente Herta era imitato al giro successivo da Victor Franzoni, il quale aveva pur’egli limitato la partecipazione alle qualifiche del mattino. Nelle interviste a bordo pista si è poi appreso che la decisione in questo caso è stata dettata da motivi economici, con la situazione finanziaria del campione ProMazda in carica aggravata dal crash nel finale della gara di ieri.

La corsa vera constava quindi di sole cinque vetture, con Urrutia, partito dalla pole, che allo start resisteva bene al vincitore di gara-1, Pato O’Ward, mentre poco dietro l’altra vettura del team Belardi di Aaron Telitz faceva lo stesso nei confronti di Ryan Norman.

Dopo i primi fuochi però, con Herta tornato brevemente in pista allo scopo di terminare davanti a Franzoni e guadagnare così un paio di punti extra, assolutamente nulla nei 35 giri complessivi ha modificato l’esito del trenino che ha concluso nell’ordine, racchiuso in poco più di 2”. A seguire, più staccati, Norman e Dalton Kellett.

Tutto rimandato quindi a fra due settimane a Mid-Ohio, dove si correranno due delle ultime cinque gare in calendario, con O’Ward ancora più solo in testa alla serie con 331 punti contro i 313 di Herta ed i 291 di Urrutia.

Il futuro in IndyCar di Herta magari non sarà comunque in discussione – come peraltro confermato dallo stesso pilota ai microfoni della Serie – ma il prosieguo del campionato, che ricordiamo prevede una scolarship di ben un milione di Dollari per il vincitore, potrebbe prendere una piega poco gradita agli organizzatori, soprattutto in termini di credibilità, se il parco macchine dovesse ridursi ulteriormente in caso di forfait definitivo di Franzoni, unico alfiere del Team Juncos.

Piero Lonardo

I risultati delle Qualifiche-2

L’ordine di arrivo di Gara 2


Stop&Go Communcation

Herta infortunato si ferma ai box, come anche Franzoni, a corto però di fondi

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2018/07/Start-1.jpg Indy Lights – Toronto, Qualifiche e Gara 2: Urrutia torna alla vittoria