Si è conclusa domenica la quinta edizione del Chris Griffis Memorial Mazda Road to Indy Test.

Nello scenario del Circuit of The Americas si sono ritrovate per una due giorni di test collettivi tutti e tre i gradini delle serie propedeutiche di monoposto made in USA.

Sette i piloti presenti per la serie cadetta, la Indy Lights. Alla fine l’ha spuntata Kyle Kaiser (nella foto), compagno di squadra del vincitore della scorsa stagione, Spencer Pigot, al Juncos racing, che nella prima giornata ha segnato 1.54.2235.

Seconda piazza sul filo di lana per un altro pilota pronto a ripetersi nello stesso team dello scorso anno, Shelby Blackstock, atteso nel 2016 alla seconda stagione con l’Andretti Autosport, con il tempo di 1.54.2729, il migliore della seconda giornata.

Buona prestazione per il volto nuovo del team di Ricardo Juncos, il canadese Zachary Claman DeMelo, proveniente dalla Formula Renault 2.0 dopo un passato vincente nel karting, che potrebbe essere della partita su di una terza entry insieme al messicano Josè Gutierrez.

Tra i 7 piloti scesi in pista nel weekend, un altro canadese già sicuro del proprio posto nella prossima stagione, Dalton Kellett, con il team Andretti Autosport, mentre lo Schmidt Peterson Motorsport ha proposto James French, le ultime stagioni tra le PC dell’ALMS e del Tudor USCC, e il coreano Heamin Choi, già visto nel season finale di Laguna Seca.

Piero Lonardo


Stop&Go Communcation

Blackstock il più veloce nella due giorni al COTA

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2015/11/Kayser_COTA.jpg Indy Lights – Concluso il Chris Griffis Memorial