Spencer Pigot si aggiudica anche la seconda gara del weekend dell’Indy Lights a Barber Park. Il pilota dello Juncos Racing ha dominato flag to flag, portandosi al comando della classifica generale, grazie alle disgrazie del vincitore delle prime tre gare, Ed Jones.

L’inglesino di Dubai ha infatti avuto problemi in partenza con Kyle Kaiser, vero incubo degli start in questo inizio di stagione, e ha rimediato una foratura che lo ha costretto ai box per la necessaria sostituzione. Anche Kaiser dovrà sostituire l’ala anteriore per poi ritirarsi più avanti nella gara per un surriscaldamento del motore Mazda-AER.

Dietro Pigot si accodavano quindi Jack Harvey, Max Chilton, Scott Anderson e Felix Serralles, autori questi ultimi di una partenza sprint, con il portoricano che presto si impossessava della quarta posizione, andando ad insidiare l’ex F1 per tutta la durata della corsa.

L’unico brivido per Pigot avviene proprio nel doppiaggio di Jones. L’alfiere del Team Carlin non cede infatti la traiettoria, scontrandosi con la #12. Pigot potrà comunque proseguire, seppur con un distacco ridotto su Harvey, ed involarsi verso la vittoria.

Nel finale Harvey, forse in crisi di gomme, lascia avvicinare Chilton e Serralles ma non cede la seconda piazza agli avversari. Dietro Anderson, quinto, termina Sean Rayhall, che dopo un lungo inseguimento ha avuto la meglio su RC Enerson. A seguire Juan Piedrahita, Ethan Ringel, Shelby Blackstock ed Ed Jones.

Il prossimo appuntamento con l’Indy Lights Series è fra due settimane, sul tracciato interno di Indianapolis, ancora una volta per un doubleheader.

Piero Lonardo

L’ordine di arrivo di Gara 2


Stop&Go Communcation

Primo podio per Max Chilton

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2015/04/Startgara1.jpg Indy Lights – Barber, Gara 2: Pigot sbanca in Alabama