In queste ultime ore nella redazione di Stop&Go sono arrivate varie conferme da fonti attendibili sulle reali condizioni del progetto Acura per la LMP1 ALMS e dei suoi relativi team, De Ferran Motorsports, Fernandez Racing e Patron Highcroft Racing.

Per quanto riguarda Acura le voci sul suo abbandono sono pressoché confermate, tanto che in ALMS starebbero già studiando un nuovo regolamento che coinvolga maggiormente le LMP2, mentre sul fronte scuderie le tre che rimarrebbero virtualmente senza auto sono all'unisono indirizzate verso nuovi lidi, come la IndyCar per De Ferran ed il team di Adrian Fernandez e Grand-Am per Highcroft senza pero disdegnare un impegno in IRL.

Simon Pagenaud, già impegnato con De Ferran nei prototipi, e Takuma Sato sono i due piloti che in queste ore sembrano essere vicini al team dell'ex-pilota brasiliano. Sato è favorito dalla sponsorizzazione giapponese della Formula Dream ed è stato sempre un personaggio a cui la Honda ha tenuto particolarmente e di certo il costruttore giapponese lo vorrebbe vedere alla guida di un mezzo competitivo che grazie alle sue risorse il team De Ferran potrà assicurare. Pagenaud è veloce, costante nei risultati ed ha gia corso in monoposto nella Champ Car; sicuramente Gil De Ferran non se lo lascerà sfuggire.

Il team di Adrian Fernandez è quello che più teme l'uscita dai giochi di Acura, in quanto la scuderia messicana basa tutte le sue risorse e sponsorizzazioni proprio sulla sua presenza in ALMS, vedi il colosso Lowe's che finanzia per la quasi totalità il team dell'ex-pilota CART e Champ Car. Un perdira di tale sponsor potrebbe compromettere l'esistenza del team. Il promettente pilota messicano Luis Diaz è la punta di diamante della squadra, ha molta esperienza con le ruote scoperte grazie ai vari anni di F.Altantic e a qualche sporadica apparizione in CART-Champ Car e sicuramente sarà la prima scelta di Fernandez per quello che dovrebbe essere una scuderia formata da due monoposto.

Highcroft ha molto del suo background nelle corse sport-prototipo e per questo ad oggi se dovesse verificarsi un cambio di categoria si ipotizza un passaggio alla "cugina" Grand-Am. Lo sponsor Patron non ha particolari interessi nel mercato che attualmente coinvolge la IRL, concentrata molto nella costa-est degli USA, ma il recente approdo ad Indy500 con Scott Sharp ha fatto intuire che qualcosa in direzione della IRL si sta muovendo. Il citato pilota statunitense è ovviamente il punto cardine di tutta l'operazione, Grand-Am o IRL che sia.

Roberto Del Papa


Stop&Go Communcation

In queste ultime ore nella redazione di Stop&Go sono arrivate varie conferme da fonti attendibili sulle reali condizioni del progetto […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/00_acurapagenaud.jpg Acura abbandona l’ALMS? Destinazione IndyCar per De Ferran e Fernandez, la Grand Am pronta ad accogliere Highcroft