Un inizio di stagione nella sua prima annata in monoposto che ha quasi dell’incredibile quello di Vittorio Ghirelli. Dopo un regolare pre-campionato passato sulle monoposto di F.Renault, F.BMW, F.3 e GP3, il giovanissimo driver pugliese trapiantato a Roma ha iniziato con piglio la serie tricolore di Aci-Csai per poi raddoppiare l’impegno con lo sbarco nella prestigiosa GP3 Series.

Nonostante degli ottimi approcci, però, la sfortuna sembra essersi fortemente accanita sul talentuoso pilota originario di Fasano; basta dare uno sguardo alle sue vicissitudini per capire come sia stato frenato da problemi tecnici continui che infastidiscono il suo staff.

Ultimo in ordine cronologico quello di stamane sul circuito di Hockenheim, teatro del quinto round della GP3, in cui Vittorio contava di sfruttare finalmente la conoscenza dell’unico circuito in calendario a lui noto (avendoci già girato recentemente nella seconda tappa della Formula 3 italiana, anche se davvero per poco vista l’eliminazione ‘killer’ operata da un avversario incauto), ma puntuale giunge il guaio tecnico di turno… rottura del differenziale e inevitabile ultima posizione sullo schieramento di partenza. Da non credere, la rabbia cresce, così come il rammarico di non poter macinare i chilometri previsti per potersi presentare in una posizione più decorosa sullo starting grid di Gara 1, anche se successivamente le penalità inflitte dalla direzione gara hanno fatto fortunatamente recuperare quattro posizioni al 15enne italiano. Ma il credito con la dea bendata per l’alfiere della Atech GP rimane comunque decisamente elevato.

Chi lo conosce, avendolo visto crescere nelle quattro ruotine del Karting, è però al corrente delle sue potenzialità. Non resta quindi che cercare di rimanere calmi e rimboccarsi ancora le maniche con le due rispettive squadre (Atech e Eurointernational), per uscire al più presto da questo tunnel della sfortuna. I risultati arriveranno, con la consapevolezza di avere comunque dalla sua parte un’età giovanissima e una struttura solida per poter crescere in tutta tranquillità.

Una ultima curiosità: qualcuno dovrebbe spiegare agli organizzatori della GP3 e ai telecronisti televisivi che trasmettono la serie in diretta Tv che Fasano non si trova in Brasile, ma sulla bella costa italiana del Salento…

Nella foto, Vittorio Ghirelli (Atech GP)

Michele Benso


Stop&Go Communcation

Un inizio di stagione nella sua prima annata in monoposto che ha quasi dell’incredibile quello di Vittorio Ghirelli. Dopo un […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/gp3_Y8P22981.jpg Hockenheim, Update: Rottura del differenziale per Ghirelli, il credito con la dea bendata cresce ancora…