Può accadere anche questo. Le qualifiche di Budapest della GP3 Series sono state caratterizzate da un verdetto quasi incredibile: Nico Muller e Esteban Gutierrez sono stati autori dello stesso identico tempo (1:36.991), in una sessione di per sé estremamente combattuta dopo la pioggia caduta questa notte. Secondo la norma che si applica in questi casi, è lo svizzero ad aggiudicarsi la pole-position, essendo stato il primo a marcare il riferimento cronometrico decisivo. L’alfiere del team Jenzer resta perciò imbattuto all’Hungaroring, dopo aver prevalso nelle prove libere, e conquista due buoni punti per la classifica generale.

Gutierrez deve accontentarsi di partire dalla prima fila. Un risultato che gli permetterà comunque di tenere sotto controllo negli specchietti il suo principale (anzi, ormai unico) avversario Robert Wickens, questa mattina 4° e preceduto pure da un bravissimo Stefano Coletti, che qui meno di un mese fa si era già rivelato competitivo nella F.Renault 3.5. Il poker di testa è racchiuso in appena sette centesimi, mentre nello spazio di un secondo troviamo addirittura 21 concorrenti.

Dean Smith, 5°, dovrà cedere tuttavia una posizione per non aver rispettato la bandiera a scacchi nel turno di ieri di pomeriggio. Nelle libere Ivan Lukashevich ha ignorato le segnalazioni di bandiere gialle, e sarà quindi arretrato di tre caselle. Il russo si ritroverà suo malgrado in coda al gruppo. Più corposa l’entità delle sanzioni comminate a Doru Sechelariu e Tobias Hegewald (10 posti), ritenuti responsabili di due incidenti verificatisi lo scorso week-end a Hockenheim. Peccato per entrambi, che avevano ottenuto rispettivamente il sesto e l’ottavo crono.

Di tutto questo ne beneficeranno fra gli altri Daniel Morad (7°) e l’esordiente Antonio Felix da Costa, davvero bravo a inserirsi subito nella top-ten, completata poi dal nostro Mirko Bortolotti, il quale continua la propria crescita prestazionale. Delude ancora Alexander Rossi, 13° davanti alla sorpresa del venerdì Marco Barba. Arretra pure Pal Varhaug (18°), ma in ogni caso traffico e bandiere gialle non hanno mancato di influenzare il verdetto emesso dal tracciato.

Come detto in precedenza, un acquazzone notturno ha reso l’asfalto umido nelle fasi iniziali. Le alte temperature, già vicine ai 30 gradi centrigradi, in ogni caso hanno rapidamente permesso alla pista di asciugarsi e di dare vita a un finale appassionante.

Classifica

01. Nico Muller – Jenzer Motorsport – 1:36.991
02. Esteban Gutierrez – ART Grand Prix – 1:36.991
03. Stefano Coletti – Tech 1 Racing – 1:37.036
04. Robert Wickens – Status Grand Prix – 1:37.066
05. Dean Smith – Carlin – 1:37.320
06. Doru Sechelariu – Tech 1 Racing – 1:37.370
07. Daniel Morad – Status Grand Prix – 1:37.454
08. Tobias Hegewald – RSC Mucke Motorsport – 1:37.456
09. Antonio Felix da Costa – Carlin – 1:37.459
10. Mirko Bortolotti – Addax Team – 1:37.525
11. Felipe Guimaraes – Addax Team – 1:37.632
12. Adrian Quaife – Hobbs – Manor Racing – 1:37.639
13. Alexander Rossi – ART Grand Prix – 1:37.690
14. Marco Barba – Jenzer Motorsport – 1:37.694
15. Nigel Melker – RSC Mucke Motorsport – 1:37.733
16. Renger Van Der Zande – RSC Mucke Motorsport – 1:37.777
17. Josef Newgarden – Carlin – 1:37.785
18. Pal Varhuag – Jenzer Motorsport – 1:37.802
19. Michael Christensen – MW Arden – 1:37.869
20. Roberto Merhi – Atech CRS GP – 1:37.952
21. Miki Monras – MW Arden – 1:37.982
22. Pablo Sanchez Lopez – Addax Team – 1:38.196
23. Oliver Oakes – Atech CRS GP – 1:38.342
24. Adrien Tambay – Manor Racing – 1:38.359
25. Leonardo Cordeiro – MW Arden – 1:38.375
26. Pedro Nunes – ART Grand Prix – 1:38.406
27. Ivan Lukashevich – Status Grand Prix – 1:38.448
28. Rio Haryanto – Manor Racing – 1:38.909
29. Vittorio Ghirelli – Atech CRS GP – 1:39.041

Jacopo Rubino


Stop&Go Communcation

Può accadere anche questo. Le qualifiche di Budapest della GP3 Series sono state caratterizzate da un verdetto quasi incredibile: Nico […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/gp3gp3-310710-011.jpg Budapest, Qualifiche: Nico Muller e Esteban Gutierrez con lo stesso tempo! La pole va però allo svizzero