Con un recupero imperioso dalle ultime posizioni il pilota Prema trionfa anche in gara 2, superando il compagno Gasly all’ultimo giro. Gara pazza a Baku!

Baku non tradisce le aspettative della vigilia: dopo una Main Race spettacolare anche nella Sprint Race di questa mattina è successo di tutto. Tra incidenti, incomprensioni sotto Safety Car, ruota a ruota e continui ribaltamenti di fronte, a trionfare sotto la bandiera a scacchi è di nuovo il nostro Antonio Giovinazzi su Prema.

Partito ottavo in griglia, Giovinazzi ha visto la propria gara apparentemente compromessa al primo giro quando un problema tecnico l’aveva fatto scivolare nel fondo dello schieramento. Davanti De Jong, Galeal e Matsushita lottavano per i primi tre posti dopo un via apparentemente tranquillo.

Dopo un paio di passaggi senza problemi arriva un attacco scriteriato di Jordan King (Racing Engineering) alla Arden di Jimmy Eriksson all’entrata di curva 1. Lo svedese viene toccato e finisce contro le barriere, inevitabile l’entrata in pista della prima Safety Car.

Alla ripartenza la ART di Matsushita riacquista velocità troppo rapidamente, incontrando la Safety Car prima dell’entrata box e dovendo rallentare nuovamente. Ne approfittano Oliver Rowland (MP Motorsport) e De Jong, i quali però arrivano al bloccaggio in curva 1, permettendo a Matsushita di tornare in testa.

Poco dopo altra Safety Car per un nuovo incidente di Armand, secondo di fila dopo quello nella Main Race di ieri. Alla ripartenza si sfiora il disastro: Matsushita rallenta improvvisamente a metà rettilineo causando un ingorgo pericolosissimo alle sue spalle, con contatti e pezzi di alettone che volano dappertutto.

A farne le spese maggiormente è Gustav Malja (Rapax), che perde l’ala anteriore e finisce in bloccaggio contro la fiancata di Rowland alla prima curva, spedendolo in testacoda. Abilissimo nelle due ripartenze, sfruttando i rallentamenti e gli errori dei piloti avanti, Giovinazzi incredibilmente è già secondo alle spalle del compagno Gasly.

Alla nuova ripartenza da Safety Car nuovo contatto, questa volta tra il nostro Raffaele Marciello (Russian Time) e la ART Matsushita, con il giapponese costretto al ritiro. Davanti la gara si faceva intensa tra Gasly e Giovinazzi, sprovvisto di DRS.

Arriva l’ultimo giro di gara e Giovinazzi sfrutta perfettamente la scia del compagno Gasly, provando l’esterno all’imbocco di curva 1. Gasly esagera nella staccata e finisce lungo sfiorando il muro esterno, Giovinazzi riesce a trovare spazio e si lancia verso la seconda vittoria di fila.

Una performance incredibile per il pilota italiano del team Prema, ancora una volta il più veloce in pista con il giro veloce: bottino pieno e terza posizione in una classifica piloti aperta più che mai.

 

Risultati gara 2:

PosDriverTeamGap
1Antonio GiovinazziPrema Racing44m49.606s
2Pierre GaslyPrema Racing1.763s
3Sergey SirotkinART Grand Prix4.179s
4Jordan KingRacing Engineering5.672s
5Artem MarkelovRUSSIAN TIME14.809s
6Sergio CanamasasCarlin16.151s
7Nabil JeffriArden International17.693s
8Arthur PicRapax18.240s
9Alex LynnDAMS19.856s
10Marvin KirchhoferCarlin22.745s
11Raffaele MarcielloRUSSIAN TIME23.645s
12Luca GhiottoTrident26.490s
13Nicholas LatifiDAMS28.862s
14Daniel de JongMP Motorsport52.851s
15Oliver RowlandMP Motorsport1 Lap
Nobuharu MatsushitaART Grand PrixRetirement
Mitch EvansPertamina Campos RacingRetirement
Sean GelaelPertamina Campos RacingRetirement
Gustav MaljaRapaxRetirement
Philo Paz ArmandTridentRetirement
Norman NatoRacing EngineeringRetirement
Jimmy ErikssonArden InternationalRetirement

 

Lorenzo Lucidi


Stop&Go Communcation

Con un recupero imperioso dalle ultime posizioni il pilota Prema trionfa anche in gara 2, superando il compagno Gasly all’ultimo giro. Gara pazza a Baku!

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2016/06/c6c0e0ba7085dddc07d184b0da10b621.jpg Baku, Gara 2: Giovinazzi rimonta e stravince. E’ doppietta!