Il weekend di Magione ha segnato il giro boa della prima stagione dell’Italian Formula 4 Championship, serie cadetta fortemente voluta dalla FIA e nata col patrocinio della WSK.

I verdetti della pista hanno confermato, come se ce ne fosse bisogno, lo strapotere della Prema, che ha vinto in gara 1 e 3. Alla squadra diretta dai fratelli Rosin è sfuggita solo la sprit race a causa di un attacco fratricida compiuto dal Lance Stroll nei confronti di Brandon Maisano. Poco danno visto l’ampio del leader canadese su Andrea Russo (Diegi Motorsport), secondo in classifica ma opaco sul tracciato perugino.

Leonardo Pulcini (Euronova) e Mattia Drudi (F&M) si sono confermati come habitué del podio, conquistando i due gradini più bassi nelle corse lunghe. Ha stupito l’esordiente Matteo Desideri, schierato dall’Antonelli Motorsport, che ha impiegato meno di quattro sessioni per arrivare in top3. Torna il sorriso anche ad Andrea Fontana (Euronova), mattatore in gara 2.

UP

Prema – Continuando di questo passo, dovremo riservare loro un posto negli “up”. Prima in qualsiasi occasione e condizione, tranne che in gara 2 dove hanno trovato un ostacolo: loro stessi. Il garibaldino attacco di Stroll nei confronti del francese #81 ha infatti messo fuori entrambe le vetture. Conferma.

Andrea Fontana – Le aspettative di inizio stagione del bellunese erano molto alte, tuttavia, alcuni problemi fisici lo hanno costretto ad una pesante ridimensionata. A Magione ha dimostrato di esser tornato al 100% e va in vacanza con addosso l’odore dello champagne, e della vittoria, promettendo di far divertire nella seconda parte dell’anno. Rinato

Matteo Desideri – Aveva partecipato ai pre season test, senza poi partire per le prime gare del campionato. E’ entrato dalla porta secondaria del team Antonelli, eppure ha fatto capire subito di che pasta sia fatto. Subito 10° nella prima libera, ha messo la ciliegina sul primo weekend in F.4 col podio in gara 2, che fa passare in secondo piano il ritiro della closing race. Sorpresa.

DOWN

Ivan Matveev – La voglia di riscatto è un’arma a doppio taglio, da una parte è positiva in quanto aiuta ad andare sempre forte, dall’altra, però, è pericolosa poiché spinge verso quella soglia del limite chiamata errore. Matveev è caduto proprio in quest’ultima; compie sorpassi e dà spettacolo, ma all’ultimo giro getta sulla sabbia della pista perugina ben due gare. Frustrato.

Joao Vieira – La 6° piazza di gara 1 sembrava un buon presupposto per il proseguo della sua domenica, che però si è conclusa con due ingloriosi risultati: un ritiro ed un 13° posto. Spento.

Mahaveer Ragunathan – Per l’indiano di F&M il weekend potrebbe essere assimilato ad una figura retorica: un climax discendente. L’11° delle prime libere si è rapidamente trasformato in una tripla ultima posizione nelle gare domenicali. Incostante.

Andrea Giustini


Stop&Go Communcation

Scoprite cos’ha da dire la rubrica “up&down” sul weekend di Magione della Formula 4 italiana […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2014/08/bes-upanddown-010814-01.jpg Italian F.4 Championship – Round 4, Magione