La serie sta attraversando un periodo favoloso, con l’avvento della Bmw e l’entrata definitiva di Audi, sono già molte le case in pista.

 

Nell’ultimo mese hanno ufficializzate l’entrata negli e-Prix due case auto non proprio indifferenti agli appassionati, e questo non può che portare entusiasmo al CEO della Formula E Alejandro Agag.

La casa di Ingolstadt ha di recente mollato il vittorioso e costoso programma nel WEC, da cui è uscita con 13 vittorie nella 24h di Le Mans in 16 partecipazioni dal 1999. Retromarcia attuata nel motorsport in contemporanea con quella di Volkswagen dal WRC, che ha abbandonato la scena ritirando la Polo R Wrc detentrice di 4 titoli nel campionato mondiale rally e attuale campione in carica. Scelta obbligata dal gruppo VW dopo lo scandalo del dieselgate, che ha portato la casa a virare sull’elettrificazione, che oggi come oggi è sinonimo di Formula E. Il brand scelto per l’approdo è proprio l’audi che già dal 2017-2018 diventerà titolare dell’attuale team Abt, dandogli la denominazione Audi Sport Abt.

Diverso e opposto è invece il discorso di Bmw. La casa di Monaco ha già annunciato di entrare nel 2018 a Le Mans nella categoria GTE, con la nuova serie 8 M. La vettura, di cui non sono ancora state anticipate specifiche tecniche né immagini, è in fase di sviluppo ma è già stato confermato che esordirà alla 24 Ore di Daytona il 27 gennaio 2018.

L’ingresso nella Formula E, con il brand BMWi, avverrà solo nel 2018-2019 nella quinta stagione della serie elettrica  quella in cui per i piloti non sarà più necessario sostituire l’auto a metà gara, grazie all’evoluzione delle batterie e dell’elettronica di gestione. Spinta forse anche dall’ingresso della diretta concorrente Audi, la Bmw farà il suo debutto affiancata dal blasonato team Andretti già impegnato negli e-Prix.

A questo punto c’è da chiedersi se le novità sono finite qui. Di sicuro ora come ora la Formula E è il campionato più appetibile per le case automobilistiche, vista la direzione in cui si sta muovendo, già da tempo e con enormi investimenti il mercato automotive. Vedremo allora se in futuro case come l’Alfa Romeo o la tedesca detentrice degli ultimi mondiali in Formula 1 Mercedes, decideranno di fare il grande passo, dando vita ad un campionato veramente stellare.

Ritornando al presente, il campionato è arrivato all’ultimo appuntamento ed entrambi i titoli, quello piloti e quello costruttori sono aperti. Sopratutto il primo è segnato da una grande sfida tra il pilota della Renault e-dams Sébastien Buemi e il pilota del team Abt audi Lucas di Grassi che sono attualmente staccati di soli 10 punti. L’appuntamento è a Montréal il 29 e 30 luglio.

 

Riccardo Massa


Stop&Go Communcation

La serie sta attraversando un periodo favoloso, con l’avvento della BMW e l’entrata definitiva di Audi, sono già molti le case scese in pista.

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2017/07/bmw-fe-1.jpg Il roseo futuro della Formula E