L’ex pilota di F1 vince e convince in Uruguay partendo dalla quinta piazza, sopravanzando Di Grassi e D’Ambrosio.

Buemi ha confermato ancora una volta di voler chiudere la stagione davanti a tutti.  Per la prima volta in questa stagione il pilota e.dams non è riuscito a prendere la pole positione, ma dalla quinta posizione ha prodotto una rimonta spettacolare per la gioia dei più di 10000 appassionati uruguaiani giunti per il Julius Baer Punta del Este ePrix. Dopo aver iniziato la prova uruguayana “appena” in quinta posizione, il driver elvetico si è presentato al comando della corsa sudamericana all’ottavo giro e ci è rimasto fino alla bandiera a scacchi, nonostante abbia perduto un sacco di tempo durante una fase di Full Course Yellow.

Le vetture a powertrain Venturi della Dragon Racing, che avevano monopolizzato la prima fila della griglia di partenza, non hanno capitalizzato quanto avrebbero potuto ottenere: se Jérôme D’Ambrosio ha infatti mantenuto il comando alla partenza, Loïc Duval è stato subito superato da Sam Bird (DS Virgin Racing) con una manovra un po’ oltre i limiti fisici del tracciato. Lucas Di Grassi (ABT Schaeffler), che occupava la scia del francese da due stagioni in forza al team USA è stato superato da quello che è ritenuto il suo principale rivale nella lotta per il titolo, cioè l’infallibile Sébastien Buemi.

Il pilota della Renault e.dams ha poi fatto letteralmente “irruzione” su Loïc Duval al terzo passaggio e, quasi in un battito di ciglia, si è ritrovato sul parafango posteriore della macchina di Sam Bird, cominciando a metterlo sotto pressione.

Mentre Jérôme D’Ambrosio aveva accumulato un buon gap sugli avversari nel corso dei primi giri e credeva di essere in salvo, Buemi gli guadagnava terreno con un ritmo più veloce di un secondo a passaggio. Il poleman del Punta del Este ePrix è riuscito a resistere a Sébastien Buemi fino alla curva 17 dell’ottava tornata . Il tempo di entrare ai box per il cambio auto obbligatorio e il vantaggio dello svizzero della Renault e.dams è salito a quattro secondi.

Successivamente in seguito a un problema di comunicazione connesso alla Full Course Yellow, causata dallo stop sul tracciato della Virgin DSV-01 di Sam Bird, Buemi ha cominciato a rallentare, perdendo la maggior parte del gap sugli avversari fin lì accumulato, e si è sfogato via radio con i suoi ingegneri: “Grazie mille, Direzione Gara!”, ha affermato lo svizzero, “Quando avete messo i cartelli fuori, io stavo rallentando perché pensavo che fosse già iniziato il conto alla rovescia: ho perso cinque secondi per niente su Di Grassi”.

Quando la corsa è ripresa salutata dalle bandiere verdi, Sébastien e Lucas si sono ritrovati separati da un solo secondo di distanza. Alla fine il pilota della Renault e.dams ha battuto il sudamericano del team ABT Schaeffler Audi Sport per 3 secondi, con Jérôme D’Ambrosio che ha chiuso per appena un decimo di secondo la lotta per l’ultimo gradino del podio col coéquipier Loïc Duval.

Nicolas Prost ha raccolto una quinta piazza abbastanza in sordina, anche perché strappata con una rinnovata Z.E 15 made-in-Renault Sport davanti alla monoposto del 2014 curata dal Team Aguri per uno sconsolato Antonio Félix Da Costa.

Oliver Turvey, è stato penalizzato dalla Direzione Gara per avere effettuato un pit-stop troppo breve, cosa che ha promosso il compagno di squadra Nelson Piquet jr. di una posizione in classifica. Il campione in carica della Formula E, già responsabile di una scaramuccia con un opaco Jean-Éric Vergne, ha sbagliato all’ultimo giro nel tentativo di chiudere la virtuale porta al francese della DS Virgin Racing e ha colpito il muro violentemente.

Il transalpino ha miracolosamente evitato il relitto del mezzo della NextEV TCR e si è piazzato settimo, davanti a Daniel Abt (ABT Schaeffler Audi Sport),Stéphane Sarrazin (Venturi), Robin Frijns (Amlin Andretti), il quale ha chiuso la top ten, e alla lady driver italo-svizzera Simona De Silvestro, 11esima, ma doppiata, con una macchina gemella di quella dell’olandese.

Ecco la classifica completa:

posDriverTeamTime
1SwitzerlandSebastien BuemiFranceDAMS45:59.697
2BrazilLucas di GrassiGermanyAudi Sport Team Abt+3.534
3BelgiumJérôme d’AmbrosioUnited StatesDragon Racing+6.725
4FranceLoic DuvalUnited StatesDragon Racing+6.807
5FranceNicolas ProstFranceDAMS+21.057
6PortugalAntonio Felix da CostaJapanTeam Aguri+22.410
7FranceJean-Eric VergneUnited KingdomVirgin Racing+57.726
8GermanyDaniel AbtGermanyAudi Sport Team Abt+1:00.744
9FranceStephane SarrazinMonacoVenturi+1:03.559
10NetherlandsRobin FrijnsUnited StatesAndretti Autosport+1:03.840
11SwitzerlandSimona de SilvestroUnited StatesAndretti Autosport+1 lap
12United KingdomOliver TurveyChinaChina Racing+1 lap
13United KingdomOliver RowlandIndiaMahindra Racing+1 lap
14FranceNathanael BerthonJapanTeam Aguri+1 lap
15BrazilNelson Piquet Jr.ChinaChina Racing+2 laps
RBruno SennaMahindra Racing
RSam BirdVirgin Racing
DNSJacques VilleneuveVenturi


Stop&Go Communcation

L’ex pilota di F1 vince e convince in Uruguay partendo dalla quinta piazza, sopravanzando Di Grassi e D’Ambrosio. Buemi ha […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2015/12/buemi-al-comando.jpg Buemi torna al comando