L’inglese della DS Virgin riesce a mantenere la leadership conquistata nella mattinata con la pole, resistendo al ritorno di uno straordinario Buemi.

 

Sam Bird è riuscito a portare a casa una grande vittoria, ma non senza faticare. Il pilota inglese è riuscito a respingere i forti attacchi dello strepitoso Sèbastien Buemi, che partito dalla 18° piazza, ha rimontato fino alla seconda posizione, terminando la gara a soli 7 decimi da Bird.

Il leader di campionato, partito appunto 18° per un suo errore in qualifica, nella sua straordinaria rimonta è riuscito a guadagnare tre posizioni soltanto nella prima tornata (15esimo) arrivando nella zona punti attorno al decimo giro.

Sébastien si è così trovato in quarta posizione dopo la propria sosta ai box e così (al termine di un periodo di Safety-Car indispensabile per recuperare la vettura 2014 del Team Aguri di Antonio Félix Da Costa, ferma sul tracciato e incapace di consolidare l’ultimo gradino del podio) si è liberato facilmente della Venturi di Stéphane Sarrazin per guadagnare la terza piazza.

Gli ultimi giri dell’ePrix in Argentina si sono così ridotti a una prova di forza a tre fra il battistrada Sam Bird, Lucas Di Grassi e Sébastien Buemi: lo svizzero ha subito forzato il ritmo sulla ABT Schaeffler FE01 del brasiliano, sino a metterlo dietro di sé alla curva 1 per il secondo posto allorché mancavano sette passaggi alla fine della corsa: via radio, Lucas Di Grassi ha lamentato il mancato funzionamento del FanBoost che gli avrebbe garantito un extraboost di 100 kiloJoule nella fascia di potenza che va da 180 a 200 kW.

Una volta guadagnata la seconda piazza Buemi ha cercato di portare a termine una rincorsa che gli avrebbe consentito di risalire da ultimo a primo, ed è arrivato rapidamente nel retrotreno della monoposto del rivale britannico, senza però riuscire a completare il sorpasso.

Lucas Di Grassi è arrivato terzo dalla settima posizione dello schieramento di partenza, mantenendo il suo record di un cento per cento di piazzamenti sul podio in questa stagione: c’è riuscito con circa 7”5 di ritardo dal vincitore Sam Bird e dalla DSV-01 (DS Virgin Racing) e poco meno di due secondi di vantaggio su Stéphane Sarrazin e la VM200 (Venturi) al quarto posto.

Nicolas Prost, che nelle interviste della vigilia aveva pronosticato per sé e la propria Renault e.dams un piazzamento fra i tre big, ha completato la top five di Baires, dopo aver mantenuto la piazza d’onore alle spalle del vincitore, fino al sorpasso subìto dall’arrembante Antonio Félix Da Costa del Team Aguri alla prima curva del 13esimo passaggio.

Sébastien Buemi continua a guidare la classifica di campionato fra i piloti con quattro punti di vantaggio su Lucas Di Grassi, mentre il vincitore di tappa Sam Bird è risalito al terzo posto della generale e adesso paga 28 lunghezze di distacco.

Ecco la classifica finale

PosDriverTeamTime/Gap
1United KingdomSam BirdUnited KingdomVirgin Racing45:28.385
2SwitzerlandSébastien BuemiFranceDAMS+0.716
3BrazilLucas di GrassiGermanyAudi Sport Team Abt+7.525
4FranceStéphane SarrazinMonacoVenturi+9.415
5FranceNicolas ProstFranceDAMS+11.316
6FranceLoic DuvalUnited StatesDragon Racing+15.660
7GermanyNick HeidfeldIndiaMahindra Racing+16.444
8NetherlandsRobin FrijnsUnited StatesAndretti Autosport+18.685
9United KingdomOliver TurveyChinaChina Racing+22.007
10BrazilBruno SennaIndiaMahindra Racing+22.456
11FranceJean-Eric VergneUnited KingdomVirgin Racing+24.482
12BrazilNelson Piquet Jr.ChinaChina Racing+24.641
13GermanyDaniel AbtGermanyAudi Sport Team Abt+27.998
14SwitzerlandSimona de SilvestroUnited StatesAndretti Autosport+36.171
15United KingdomMike ConwayMonacoVenturi+39.581
16BelgiumJérôme d’AmbrosioUnited StatesDragon Racing+1 lap
RetAntonio Felix da CostaTeam Aguri
RetSalvador DuranTeam Aguri


Stop&Go Communcation

L’inglese della DS Virgin riesce a mantenere la leadership conquistata nella mattinata con la pole.

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2016/02/bird.jpg A Buenos Aires vince Sam Bird!