Weekend storico per la Formula 3 italiana che per la prima volta nella sua lunga e gloriosa storia varcherà i cancelli di Spa Francorchamps. Già, proprio in uno dei templi della velocità per eccellenza, definito da sempre dagli esperti come l’Università del racing car. Sui 7.004 metri carichi di fascino (che causano adrenalina allo stato puro ad ogni curvone o ‘saliscendi’) gli alfieri della serie tricolore di Formula 3 se le daranno sicuramente di santa ragione in occasione di questo particolare quarto round, per emergere in un palcoscenico internazionale di così alto livello e blasone. Un motivo in più quindi per i big per scaldare ancor più la lotta al titolo, e per gli outsiders di mettersi in luce e giocarsi l’effetto sorpresa nel bel mezzo del bosco delle Ardenne.

Al ‘giro di boa’ la classifica vede al comando il romano Liberati (Ghinzani) con sole 6 lunghezze di vantaggio sul modenese Campana (BVM), ma subito dietro la coppia di testa, in appena sei punti, scalpitano altri sei tostissimi rivali: Lewis, Giovesi, Maisano, Jousse e Marciello, reduce dall’impegno proprio a Spa nella serie britannica e valevole come tappa dell’International Trophy. Insomma campionato apertissimo e soggetto a tanti e svariati colpi di scena. Sarà quindi un fine settimana tutto da seguire e in cui tutti vorranno dire la loro…

L’unica novità fra gli iscritti è quella del boy RP David Fumanelli, al ritorno nella serie tricolore, ma solito dare battaglia come sempre nella serie concorrente European F3 Open. Il programma prevede due turni di prove libere (10.15 e 13.15) e le qualifiche ufficiali (16.45) al venerdì, con la disputa della prima delle due manche il sabato alle 16.20 e gara 2 la domenica alle ore 10.20.

Nella foto, Edoardo Liberati (Team Ghinzani)

Antonio Mancini


Stop&Go Communcation

Weekend storico per la Formula 3 italiana che per la prima volta nella sua lunga e gloriosa storia varcherà i […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/10/liberati01.jpg Italia – Spa preview: La caccia al leader Liberati riparte dalle Ardenne