Esordire con una vittoria non è mai facile, lo è ancor di più in una serie agguerrita come la F3 tedesca, nel bel mezzo della solita sfida tra i colossi Volkswagen e Mercedes. L’evento si è verificato nella giornata di sabato, quando ad Oschersleben gli occhi erano tutti puntati sulla sua vettura… Stiamo parlando ovviamente di Kevin Magnussen, fresco portacolori della Motopark, che ha monopolizzato l’attenzione dei media e dei fans promettendo altri exploit nei prossimi mesi.

Non poteva quindi mancare all’atteso appuntamento con i nostri microfoni, che sono andati a pizzicarlo poche ore dopo Gara 2. Figlio d’arte dell’ex F1, Jan, Kevin Magnussen si è intrattenuto con noi parlando di presente e futuro, incentrandosi sulla vittoria in Gara 1 e sul potenziale del suo team, per poi discutere sul vago sogno di un successo iridato e della prepotente affermazione dei rookie in questo primo, vero week-end di F3.

Kevin, come hai vissuto questo week-end vincente?

“E’ stato un week-end fantastico, ho trascorso tre giorni davvero belli. L’evento ADAC Masters è piacevole e, naturalmente, il campionato Formula 3 ATS si propone come molto competitiva e divertente quest’anno. Quindi vincere la prima gara è stato sicuramente grandioso!”

Era nella lista dei tuoi obiettivi la vittoria al primo tentativo?

“Ovviamente c’era qualche aspettativa, ma dopo le qualifiche le cose si erano messe male, ma abbiamo poi reagito al meglio e vinto la gara! Nonostante non fossimo i più veloci in pista. Sono davvero felice!”

Tutto questo è merito anche della Motopark, formazione che può lottare su due fronti: in quello continentale per l’Euro Series e in “casa” con la serie ATS: dove pensate di arrivare a fine stagione? E’ davvero possibile sconfiggere lo squadrone Van Amersfoort?

“Sicuramente l’obiettivo principale è quello di vincere il campionato. Ma allo stesso tempo sarà molto difficile che ciò accada perché abbiamo di fronte una squadra molto forte come la Van Amersfoort Racing e anche altre competitive a livello di prestazioni come per esempio la Brandl. Ma continuo a pensare che possiamo farcela e, dato che sono in testa al campionato, dobbiamo partire da qui e lavorare soltanto sodo. Sono galvanizzato!”

Fine settimana proficuo per i rookies; da te ad Abt, passando per Juncadella, tutti in grado di ottenere qualcosa d’importante che sia pole o vittoria. Trattasi di un primo accenno di ricambio generazionale?

“Non saprei dire se si tratta dell’inizio di una era, ma di sicuro il motorsport sta dimostrando che anche i piloti più giovani hanno talento e qualità per vincere. Juncadella ed Abt sono entrambi buoni drivers e da loro ci si aspetta il meglio dei risultati in futuro”.

Stefano Chinappi


Stop&Go Communcation

Esordire con una vittoria non è mai facile, lo è ancor di più in una serie agguerrita come la F3 […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/00_magnussen1.jpg Germania – Kevin Magnussen si rivela ai nostri microfoni: “Week-end fantastico, ora avanti così!”