Si è aperta oggi, con la prima di due giornate di test sul circuito di Valencia, l’edizione 2012 della F3 Euro Series. Presenti in pista nove vetture, praticamente identiche: tutte Dallara F312 motorizzate Mercedes, con i propulsori Volkswagen al momento fuori gioco dopo le dipartite di Motopark (già sicura) e di Signature (probabile).

Il primo ruggito ha l’accento italiano: merito di Raffaele Marciello, capace di stampare in mattinata il miglior tempo in 1:28.013. Il pilota della Ferrari Driver Academy ha inaugurato da leader la sua avventura nel campionato continentale, che affronta rimanendo fedele alla Prema.

Nel pomeriggio “Lello” ha utilizzato soltanto pneumatici usati, ma il suo riferimento è rimasto imbattuto. L’unico a sfiorarlo è stato Felix Rosenqvist (Mucke), arrivato ad appena cinque centesimi di distacco.

3° posto per l’altro alfiere della scuderia tedesca, il rookie Pascal Wehrlein. A seguire gli altri tre portacolori della Prema, con Daniel Juncadella (5°) superato dall’americano Michael Lewis e incalzato da Sven Muller.

A completare il gruppetto, in attesa di ulteriori adesioni, sono Sandro Zeller (Jo Zeller Racing, sull’unica F308) e Philip Ellis. Il britannico ha percorso soltanto tre tornate nella frazione pomeridiana: di fatto uno shakedown per il team GU-Racing, alla primissima esperienza nel contesto della Formula 3.

Classifica

01. Raffaele Marciello – Prema Powerteam – 1:28.013
02. Felix Rosenqvist – Mucke Motorsport – 1:28.066
03. Pascal Wehrlein – Mucke Motorsport – 1:28.572
04. Michael Lewis – Prema Powerteam – 1:28.673
05. Daniel Juncadella – Prema Powerteam – 1:28.752
06. Sven Muller – Prema Powerteam – 1:29.132
07. Lucas Wolf – URD Rennsport – 1:29.307
08. Sandro Zeller – Jo Zeller Racing – 1:29.443
09. Philip Ellis – GU-Racing

Jacopo Rubino


Stop&Go Communcation

Si è aperta oggi, con la prima di due giornate di test sul circuito di Valencia, l’edizione 2012 della F3 […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/03/f3-170312-02.jpg Euro Series – Test Valencia, Day 1: È subito Marciello