Non è stato un weekend fortunato quello dello scorso 12 Agosto a Phillip Island, teatro del sesto round della F3 Australia, per il pilota brianzolo Marco Mapelli. Il driver lombardo del Team BRM ha sfiorato infatti la seconda vittoria stagionale, sfumata solo a pochi giri dal termine di gara 2. Un fine settimana caratterizzato dal continuo mutare delle condizioni atmosferiche che non ha consentito ai piloti di poter prendere confidenza con il tracciato. Infatti continui scrosci alternati da sprazzi di sereno hanno condizionato l’intero weekend, il quale già dalle libere aveva messo in difficolta i piloti del campionato rendendo pressoché inutili i turni di prove libere. Le prove di qualificazione sono invece iniziate con pioggia battente e Mapelli leader indiscusso della classifica, dove ha occupato la prima posizione per gran parte del turno con vantaggi notevoli sugli inseguitori. Col trascorrere dei minuti la pista ha poi cominciato ad asciugarsi, grazie alla diminuzione della intensita della pioggia. E sul finire delle prove i tempi sono scesi notevolmente, con tutti i piloti che sono riusciti a migliorare ma Mapelli, nonostante due parziali record, e stato bloccato da un pilota piu lento all’ultima curva e si e dovuto accontentare del quinto crono. Il secondo turno di prove di qualificazione e stato invece annullato a causa dell’intensita della pioggia, decisione molto discutibile che ha lasciato perplessi alcuni piloti tra i quali Mapelli.

"Secondo me – ha affermato Mapelli a fine prove – annullare il secondo turno di qualifiche e stato un errore. Io ed altri piloti, tra i quali quelli del team Astuti, eravamo pronti a scendere in pista in quanto ritenevamo che la pista fosse comunque in condizioni di ospitare il secondo turno. La direzione gara ha invece deciso di fare partire per gara due i piloti in base alle posizione di classifica in campionato, dove io occupo la quinta posizione. Tutto cio mi penalizza in quanto con la pista bagnata si e visto durante le prove libere e le prime qualifiche che sono molto veloce. In gara sara dura, le previsioni parlano sempre di tempo instabile, sara una lotteria scegliere il set up migliore".

Le due corse della domenica si sono disputate invece con tempo incerto. A pochi minuti dal via di gara 1 il nastro d’asfalto si e presentato ancora bagnato, nonostante la pioggia avesse smesso di cadere da molto. Le previsioni meteo davano comunque pioggia in arrivo entro 5 minuti, ed e per questo che Mapelli ha scelto di partire con un assetto completamente da bagnato. Marco ha avuto un buono spunto in partenze ed ha lottato con Hollings per le prime posizioni. Quest’ultimo in fase di sorpasso ha urtato il brianzolo danneggiandogli il diffusore posteriore costringendo il pilota del team BRM a proseguire con la vettura incidentata. Col trascorrere dei giri la pista si e asciugata e l’attesa pioggia non e arrivata; gli avversari partiti con un assetto piu "intermedio" hanno iniziato a girare piu velocemente e Mapelli e stato costretto a guidare in difesa. Alla fine e giunto settimo, nel gruppo di piloti che ha racchiuso in pochi secondi Shulz quarto, Mawer quinto e Tander sesto.

Gara 2 è invece partita con pioggia e pista completamente bagnata, cosa che ha permesso a tutti i piloti di partire con le stesse condizioni di assetto. Marco e scattato dalla quinta posizione ma alla prima curva e transitato sesto. Ha subito iniziato una furiosa rimonta, in pista risultava essere il pilota piu veloce, tanto da girare ben due secondi piu rapido dei suoi avversari. Spettacolari i sorpassi effettuati dal pilota del team BRM, gran parte eseguiti ad esterno curva. In pochi giri e arrivato a lottare per la prima posizione, agguantata all’inizio del sesto giro. Dopo due curve Mapelli aveva gia due secondi di vantaggio su Macrow, ma purtroppo un errore in staccata ha causato un dritto per il pilota lecchese, che ha cercato in ogni modo di rientrare rapidamente in pista, ma la gialla Dallara numero 4 e rimasta insabbiata nella via di fuga.

Era amareggiato a fine giornata Mapelli, che ha commentato cosi il suo weekend: "E’ stato un week end iniziato male e finito ancora peggio. Avrei potuto lasciare il circuito di Phillip Island con la seconda vittoria in campionato ed invece ho terminato la mia corsa nella sabbia. Sono davvero dispiaciuto, ho commesso un errore, forse mi sono deconcentrato un attimo in frenata ed ho perso la monoposto. Ho tentato in ogni modo di evitare di insabbiarmi ma non ci sono riuscito. E’ davvero un peccato perché sulla pioggia nessuno riusciva a mantenere il mio ritmo. Avevo gia deciso che al termine del sesto giro, appena agguantata la prima posizione, avrei cercato di gestire la corsa. Ed invece non sono riuscito a terminare la tornata. Tutto cio mi amareggia: vincendo avrei fatto un grosso balzo in avanti in campionato. In gara uno invece non avrei potuto fare meglio: mi sono fidato delle previsioni meteo che ci davano pioggia entro cinque minuti, ed io ho mantenuto un assetto completamente da bagnato. Una volta che la pioggia non e arrivata e la pista si e asciugata, i miei avversari, con un assetto "intermedio" hanno potuto tenere un passo piu veloce del mio. Ora andremo a correre a Symmons Plains ai primi di settembre, un circuito che non conosco, molto veloce, spero di potermi rifare".

Nella foto, Marco Mapelli (Team BRM)


Stop&Go Communcation

Non è stato un weekend fortunato quello dello scorso 12 Agosto a Phillip Island, teatro del sesto round della F3 […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/mapelli_sag.jpg Aus – Il punto sul 6