Il 17 novembre, nei test per i rookies di Abu Dhabi, è diventato il primo pilota del suo paese a guidare una Formula 1. Per questo Vladimir Arabadzhiev è stato premiato al termine di un sondaggio della stampa bulgara quale miglior protagonista dello sport nazionale dello scorso mese. “Non mi aspettavo che la differenza tra la GP2 e la F1 fosse così grande”, ha ammesso in una conferenza stampa tenuta a Plovdiv, la sua città natale.

L’esperienza ai comandi della Lotus (nella foto) è stata qualcosa di speciale: “In pochi possono provare una simile emozione. Ho percorso 50 giri, ma le tante interruzioni non mi hanno permesso di sfruttare al massimo le gomme. In ogni caso ho cercato soprattutto di prendere feeling con la macchina e con tutte le funzioni del volante”, ha spiegato Arabadzhiev.

“In quell’occasione sono tornato in pista dopo oltre due mesi di stop”, ha aggiunto. Il 24enne dell’est europeo aveva infatti interrotto dopo il round di Spa la collaborazione con la Scuderia Coloni in GP2 Series, con un 9° posto in Gara 2 a Valencia come principale risultato ottenuto.

L’obiettivo di “Vlado” è quello di ripresentarsi al via della categoria cadetta nel 2011. “Entro fine anno valuteremo quale, fra le opzioni in tavola, sarà la più appropriata. I miei manager stanno cercando di trovarmi la migliore sistemazione possibile”, ha rivelato. “Non voglio commettere lo stesso errore di questa stagione, quando abbiamo aspettato fino all’ultimo e non abbiamo potuto trovare un team competitivo”.

“A febbraio voglio già partecipare alle prove preparatorie per la GP2 Asia”, ha sottolineato Arabadzhiev.

Jacopo Rubino


Stop&Go Communcation

Il 17 novembre, nei test per i rookies di Abu Dhabi, è diventato il primo pilota del suo paese a […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/gp2-091210-01.jpg Vladimir Arabadzhiev sul 2011: “Sceglieremo entro fine anno la migliore opzione”