Luca Filippi e la Scuderia Coloni si regalano un altro successo, dopo quello nella Feature Race al Nurburgring. Con una prestazione maiuscola il pilota piemontese ha conquistato Gara 2 a Spa-Francorchamps. Un feeling del genere, venutosi a creare sin dal principio, lascia persino qualche rammarico: se avessero iniziato la stagione assieme, Romain Grosjean avrebbe trovato pane per i suoi denti?

Di certo Filippi oggi ha dimostrato di avere una marcia in più rispetto agli avversari. Dopo essersi sbarazzato nelle fasi iniziali di Dani Clos e Fairuz Fauzy, al quinto giro il driver di Mondovì è riuscito anche a superare Johnny Cecotto al Raidillon, portandosi in seconda piazza.

Alla ripartenza dopo la safety-car (entrata in azione al giro 7 per il brutto incidente di Fabio Leimer all’Eau Rouge: macchina quasi spezzata in due ma pilota illeso), Filippi ha agguantato la vetta prendendo la scia al poleman Josef Kral sul lungo rettifilo del Kemmel. Da quel momento la sua marcia verso la bandiera a scacchi è stata implacabile, favorita inoltre dalla lotta alle sue spalle.

Il 2° posto, alla fine, va nelle mani di un bravo Jules Bianchi, che ha avuto la meglio su Kral (comunque ottimo 3°). Il ceco ha resistito alla pressione dell’altro francese Grosjean, con il titolo in cassaforte ma determinato a far bella figura pensando alla F1 e ad ottenere altri punti per la DAMS, che bracca la Barwa Addax nella classifica a squadre.

Il gap tra i due team si è ridotto adesso a 8 lunghezze, con la compagine spagnola stamane invischiata nel fondo del gruppo insieme ai suoi Charles Pic e Giedo van der Garde, incappati ancora in diverse peripezie.

Incandescente la bagarre conclusiva per la zona punti, che ha visto coinvolti pure Sam Bird, risalito fino alla 5° posizione, e Dani Clos, 6° ma molto combattivo. Johnny Cecotto (8°) ha dato spettacolo con una partenza a dir poco straordinaria, con cui era già terzo alla prima curva (scattava dalla sesta fila!). Il venezuelano ha poi infilato pure Fauzy, ma nonostante la grinta esibita ha inesorabilmente perso terreno con l’avanzare della corsa, forse tradito dall’usura delle gomme. Fauzy, invece, ha abbandonato ogni ambizione quando è dovuto rientrare ai box per sostituire l’ala anteriore, danneggiata in un contatto.

Divertenti battaglie anche più indietro, che hanno visto Brendon Hartley terminare 9° davanti al nostro Davide Valsecchi. Domenica opaca per Christian Vietoris (13°), vincitore ieri pomeriggio.

Tra due settimane gran finale in terra italiana, sul circuito di Monza.

Classifica

01. Luca Filippi – Scuderia Coloni – 18 giri
02. Jules Bianchi – Lotus ART – +4.476
03. Josef Kral – Arden – +6.857
04. Romain Grosjean – DAMS – +7.685
05. Sam Bird – iSport – +8.993
06. Dani Clos – Racing Engineering – +12.952
07. Esteban Gutierrez – Lotus ART – +14.364
08. Johnny Cecotto – Ocean Racing Technology – +19.360
09. Brendon Hartley – Ocean Racing Technology – +19.634
10. Davide Valsecchi – Caterham AirAsia – +20.192
11. Adam Carroll – Super Nova – +21.472
12. Marcus Ericsson – iSport – +22.033
13. Christian Vietoris – Racing Engineering – +22.348
14. Jolyon Palmer – Arden – +22.917
15. Michael Herck – Scuderia Coloni – +23.672
16. Max Chilton – Carlin – +27.960
17. Rodolfo Gonzalez – Trident Racing – +28.510
18. Pal Varhaug – DAMS – +28.547
19. Charles Pic – Barwa Addax – +28.853
20. Giedo van der Garde – Barwa Addax – +29.374
21. Fairuz Fauzy – Super Nova – +59.072

Ritirati

22. Mikhail Aleshin – Carlin – 13 giri
23. Julian Leal – Rapax – 13 giri
24. Luiz Razia – Caterham AirAsia – 12 giri
25. Fabio Leimer – Rapax – 7 giri

Jacopo Rubino


Stop&Go Communcation

Luca Filippi e la Scuderia Coloni si regalano un altro successo, dopo quello nella Feature Race al Nurburgring. Con una […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/10/gp2-280811-01.jpg Spa, Gara 2: Per Filippi e la Coloni un altro bel successo