Pastor Maldonado a Hockenheim ha centrato il poker. Per la quarta volta consecutiva, infatti, si è aggiudicato la corsa del sabato in GP2 Series, quella più importante per i punti in palio (10 in caso di successo) e a livello di prestigio. Bruciato il poleman Charles Pic allo spegnersi dei semafori, il venezuelano ha ceduto il comando soltanto quando è rientrato ai box per il cambio gomme. “La fase più importante ai fini del successo è stata la partenza, che mi è riuscita molto bene e che mi ha permesso di poter transitare al comando alla prima curva”.

“Una volta in testa ho gestito sempre al meglio la pressione di Perez, che spingeva alle mie spalle, ma sapevo di avere un buon margine”, spiega il pilota del Rapax Team. “La mia sosta ai box è stata perfetta, e nella seconda fase della corsa tutto è andato per il meglio. Quando si è davanti è decisamente più facile controllare la situazione”. In Gara 1 è arrivata anche la chicca del giro più veloce.

Come ormai sta diventando consuetudine, Maldonado è poi scattato dall’ottavo posto in Gara 2, in ossequio alla canonica inversione dello schieramento. La manche della domenica mattina, tuttavia, non si è rivelata affatto semplice. “L’avvio è stato ottima, ma non avevo il passo per poter mirare al podio. Avevo difficoltà a rimanere nella scia di chi mi precedeva, e speravo di concludere comunque vicino alla zona punti”, confessa il 25ennne di Caracas, costretto poi alla prima battuta di arresto in un 2010 sin qui quasi perfetto.

“A tre giri dal termine ho visto che davanti a me c’erano due monoposto in lotta, e alla Curva 8 è entrato in staccata anche Grosjean. Ho volutamente tenuto la linea esterna per incrociare la traiettoria in ingresso curva, e la manovra è riuscita bene”, racconta. “Stavo accelerando quando sono entrato in collisione con la monoposto di Grosjean. Peccato, perché ho interrotto una lunga linea di piazzamenti in zona punti, ma spero di ricominciare a muovere nuovamente la classifica già dal prossimo week-end a Budapest”.

Conclusa la trasferta in Germania, Maldonado ha mantenuto invariato il proprio vantaggio in graduatoria: 19 lunghezze. Cambia soltanto il principale inseguitore, tornato adesso Sergio Perez.

Jacopo Rubino


Stop&Go Communcation

Pastor Maldonado a Hockenheim ha centrato il poker. Per la quarta volta consecutiva, infatti, si è aggiudicato la corsa del […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/gp2-260710-011.jpg Pastor Maldonado trionfa ancora di sabato, poi accusa il primo stop stagionale in Gara 2: “Peccato”