Pal Varhaug è felice per l’esito delle due giornate di test affrontate in GP2 Series ad Abu Dhabi. La scorsa settimana il corridore norvegese ha guidato per il team DAMS, facendo il proprio debutto alla guida di una monoposto della categoria cadetta.

“È stata un’occasione incredibile, la macchina è velocissima ma non così stancante a livello fisico come invece pensavo all’inizio”, ha raccontato Varhaug, proveniente dalla GP3. “In molti mi avevano avvisato da questo punto di vista, ma evidentemente significa che la mia preparazione atletica è ottima”.

Il pilota scandinavo non ha figurato nelle posizioni di vertice, ma non sembra essere stato l’obiettivo prefissato. “Sono molto contento dei risultati ottenuti, ed è chiaro che lo sia stata anche la squadra. Essendo fra i più giovani in pista ero impegnato soprattutto a prendere confidenza con la vettura. In più, visto che si trovava spesso traffico lungo il tracciato, non era facile marcare un tempi ideale in ogni settore. Avrei quindi potuto fare meglio, ma non importa”, ha spiegato. “Tutto è andato secondo i piani”.

Mercoledì 24 novembre, ad esempio, Pal ha concluso a un secondo da Sam Bird, al volante dell’altra Dallara schierata dalla DAMS; domenica, invece, si è rivelato più veloce dell’auto gemella affidata a Jan Charouz, senza dubbio più esperto.

Il progetto è adesso quello di disputare la GP2 Asia Series che scatterà a febbraio proprio da Abu Dhabi. “È il primo passo necessario per poi far bene nel campionato europeo. Ci stiamo lavorando su, non resta che ottenere il budget richiesto: ho dimostrato di poter fare un buon lavoro e di avere il giusto potenziale”, ha commentato Varhaug.

Jacopo Rubino


Stop&Go Communcation

Pal Varhaug è felice per l’esito delle due giornate di test affrontate in GP2 Series ad Abu Dhabi. La scorsa […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/gp2-021210-01.jpg Pal Varhaug: “Soddisfatto dalle prove ad Abu Dhabi, voglio partecipare alla GP2 Asia”