Jolyon Palmer si aggiudica una caotica feature race caratterizzata da una bandiera rossa e due safety car, rafforzando ulteriormente la propria leadership in classifica generale.

Nonostante una partenza da dimenticare, il pilota britannico del team DAMS ha mantenuto la concentrazione portandosi subito all’inseguimento di un Mitch Evans (Russian Time) scatenato nella prima parte di gara con mescola super-soft. L’ingresso della prima safety car di giornata (con Facu Regalia fermo in pista con la sua monoposto Hilmer) ha poi favorito il rientro di Palmer sul fuggitivo Evans, lanciandolo verso un’imperioso attacco per la leadership alla Sainte Devote.

Palmer ha così potuto riguadagnare margine sui diretti inseguitori, approfittando della crisi gomme di Mitch Evans, la cui strategia di attacco con gomme super-soft e’ stata di fatto vanificata dall’ingresso della prima safety car. Il pilota del team Russian Time non ha però perso la bussola, difendendosi strenuamente dagli attacchi dello scatenato gruppetto formato da Stephane Richelmi, Johonny Cecotto, Stoffel Vandoorne e Stefano Coletti, scattato sontuosamente dalla nona piazza di partenza.

Due giri dopo ecco un nuovo colpo di scena: Rene Binder (Arden) la combina grossa, andando a tamponare il posteriore del compagno Andre Negrao al tornante Loews, bloccando di fatto la pista. Inevitabile l’esposizione della bandiera rossa.

Dopo una lunga pausa la ripartenza, con Palmer a ricostruire la propria fuga per la vittoria. In top ten rientra temporaneamente anche il nostro Raffaele Marciello (Racing Engineering), questa volta abile in partenza a districarsi nel traffico e a mantenere la lucidita’ nel caos del Principato.

Lello e’ incolpevole protagonista pochi giri dopo del ritiro (e della conseguente uscita in pi sta della safety car) di Julian Leal (Carlin), finito a muro alla chicane dopo un attacco fuori misura portato ai danni del nostro portacolori, scivolato purtroppo fuori dalla top ten dopo il valzer dei pit-stop.

A trarre vantaggio dai numerosi colpi di scena e’ Felipe Nasr (Carlin), risalito in top five grazie ad una coraggiosa strategia costruita su di una sosta anticipata ad inizio gara e un conseguente stint lunghissimo fino alla bandiera a scacchi.

Il pilota brasiliano riesce addirittura ad agguantare un’insperato podio, approfittando nel finale di gara di un contatto avvenuto a La Rascasse tra il beniamino di casa Stefano Coletti (Racing Engineering) e Simon Trummer (Rapax). Un vero peccato per il pilota monegasco, autore di una straordinaria rimonta a suon di sorpassi nell’ultimo stint di gara.

Non manca un ultimo colpo di scena, con un Rene Binder nuovamente protagonista in negativo di un contatto con Artem Markelov (Russian Time), finito in testacoda alla chicane. Nulla impedisce però a Jolyon Palmer di conquistare una grande vittoria tra le stradine del Principato, controllando il distacco su uno stoico Mitch Evans e sulla sorpresa Felipe Nasr.

Piazzamenti importanti per le due monoposto Trident, con Johonny Cecotto e Sergio Canamasas a completare la top five.

Classifica gara 1
1. Jolyon Palmer DAMS 1h38m31.193s
2. Mitch Evans Russian Time +0.427s
3. Felipe Nasr Carlin +0.653s
4. Johnny Cecotto Jr Trident +2.175s
5. Sergio Canamasas Trident +2.884s
6. Arthur Pic Campos +6.187s
7. Rio Haryanto Caterham +8.718s
8. Stephane Richelmi DAMS +9.594s
9. Adrian Quaife-Hobbs Rapax +9.785s
10. Tio Ellinas MP +10.187s
11. Daniel de Jong MP +10.689s
12. Raffaele Marciello Racing Engineering +11.727s
13. Conor Daly Lazarus +12.291s
14. Stoffel Vandoorne ART +12.705s
15. Kimiya Sato Campos +26.761s
16. Alexander Rossi Caterham +29.166s
17. Nathanael Berthon Lazarus +56.107s

Ritirati

Artem Markelov Russian Time 35 laps
Rene Binder Arden 35 laps
Simon Trummer Rapax 31 laps
Stefano Coletti Racing Engineering 31 laps
Takuya Izawa ART 31 laps
Julian Leal Carlin 24 laps
Andre Negrao Arden 11 laps
Daniel Abt Hilmer 9 laps
Facu Regalia Hilmer 0 laps

Lorenzo Lucidi


Stop&Go Communcation

Il leader del mondiale allunga in classifica conquistando una grande vittoria al termine di un GP caratterizzato da incidenti e colpi di scena. 2°Evans, 3°Nasr

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2014/05/1400848873.jpg Montecarlo, Gara 1: Palmer trionfa nel caos!