Sta vivendo il miglior momento della sua carriera, ma qualche mese fa, forse, non ci avrebbe creduto nemmeno lui. Alla vigilia del weekend di Hockenheim, che lo vede in vetta alla classifica generale della GP2 Series, Luiz Razia ha rivelato di aver riflettuto seriamente sul ritiro dalle corse a fine 2011.

“Ero vicino a smettere, volevo concludere la mia carriera”, ha confessato in una intervista al quotidiano Globo. “Stavo già pensando al ritorno all’università, avendo superato in precedenza l’esame di ammissione a ingegneria che poi ho lasciato in sospeso. Ero scontento per i risultati dello scorso anno”.

Nel 2011 il driver sudamericano ha difeso i colori della Caterham AirAsia, compagine all’esordio. Nonostante una sorprendente pole-position a Budapest, sono state ben più numerose le delusioni, con il 12° posto finale.

Poi è maturato l’accordo con la Arden, insieme a cui aveva esordito in GP2 Asia nel 2008: “Christian Horner (boss della squadra e team principal Red Bull in F1, ndr) mi ha telefonato chiedendomi di andare a parlare. Mi ha offerto un contratto molto generoso per quest’anno. Adesso ho l’opportunità di correre per un team competitivo e di crescere come professionista all’interno della Red Bull Racing. Le cose sono andate bene dall’inizio”.

Con quattro successi e una regolarità di piazzamenti sorprendente, Razia è in vetta alla graduatoria dopo aver superato il primo fuggitivo Davide Valsecchi. E il trono della categoria cadetta, di solito, vale il lasciapassare per la Formula 1…

“Questo potrebbe aprirmi tante porte. Fino ad ora non ci è riuscito nessun brasiliano. L’obiettivo è vincere il titolo e disputare i rookie test con una buona scuderia”, ha sottolineato Razia.

Jacopo Rubino


Stop&Go Communcation

Sta vivendo il miglior momento della sua carriera, ma qualche mese fa, forse, non ci avrebbe creduto nemmeno lui. Alla […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/07/gp2-190712-01.jpg Luiz Razia rivela: “A fine 2011 stavo per ritirarmi”