Esattamente come 14 giorni fa a Silverstone, al termine di Gara 2 della GP2 Series a Hockenheim suona l’inno messicano: merito di Sergio Perez, in grado peraltro di dare vita ad una corsa molto simile a quella che l’ha visto trionfatore in Gran Bretagna. Settimo in griglia per l’inversione dell’ordine d’arrivo della Feature Race, il portacolori del team Barwa Addax è stato davvero bravo nello scalare posizioni, portandosi dietro al poleman Oliver Turvey. Dopo un lungo studio, l’attacco decisivo è arrivato al 14° passaggio, con una autoritaria staccata al tornantino.

Da lì, è stato un monologo di Perez: a suon di giri veloci (grazie a cui guadagna un prezioso punto extra) ha saputo costruire un rassicurante margine di vantaggio l’inglese, transitando sul traguardo in piazza d’onore oltre 6 secondi dopo. Un successo molto importante, alla luce della domenica poco fortunata di Pastor Maldonado, che nonostante un buon avvio non è riuscito a tenere un ritmo in linea con le aspettative, patendo poi la prima battuta a vuoto del 2010.

Il venezuelano era addirittura fuori dalla zona punti, ottavo, quando a 3 tornate dal termine ha tentato un sorpasso a Romain Grosjean in uscita dal solito tornantino, dopo che il francese aveva cercato a sua volta di attaccare Dani Clos e Sam Bird. Le ruote delle monoposto di Maldonado e del francese si sono agganciate, ed entrambi hanno perso il controllo andando a urtare le barriere, per fortuna senza conseguenze. Un peccato anche per il rientrante transalpino, fino a lì protagonista di una positiva rimonta dalla decima fila.

Festeggiano, al contrario, il già citato Turvey e Adrian Zaugg. Con un passo regolare e competitivo il sudafricano riporta sul podio la Trident dopo oltre due anni, mentre per il sudafricano è la prima apparizione in top 3 della carriera nella categoria cadetta.

Alle sue spalle è giunto 4° Jules Bianchi, concreto ma non brillantissimo davanti alla ART gemella di Sam Bird, capace invece di recuperare dalle retrovie. 6°, infine, lo spagnolo Dani Clos, insidiato nelle fasi finali da Luca Filippi, confermatosi il migliore della pattuglia italiana. 11° ha terminato infatti Giacomo Ricci, 18° Davide Valsecchi, costretto a scattare dal fondo per l’arretramento di dieci caselle ricevuto a causa l’incidente di ieri pomeriggio con Luiz Razia. L’alfiere della iSport non è stato però in grado di mettere in atto una vera rimonta, navigando sempre in coda al plotone.

Da segnalare il contatto tra Johnny Cecotto e Rodolfo Gonzalez, che in momenti diversi è costato ad entrambi il ritiro. Drive-through invece per Charles Pic, reo di aver superato i limiti della Curva 1 oltre le tre volte consentite dal regolamento.

Concluso questo week-end in terra tedesca, Maldonado resta saldamente in cima alla classifica generale con 66 lunghezze, a +19 su Sergio Perez, tornato secondo scavalcando di due lunghezze Clos. Con quattro appuntamenti ancora in calendario, nulla è comunque scontato.

Classifica

01. Sergio Perez – Barwa Addax – 27 giri
02. Oliver Turvey – iSport – +6.338
03. Adrian Zaugg – Trident Racing – +8.111
04. Jules Bianchi – ART Grand Prix – +13.575
05. Sam Bird – ART Grand Prix – +14.948
06. Dani Clos – Racing Engineering – +17.096
07. Luca Filippi – Super Nova – +17.386
08. Michael Herck – DPR – +21.287
09. Giedo van der Garde – Barwa Addax – +22.492
10. Christian Vietoris – Racing Engineering – +23.706
11. Giacomo Ricci – DPR – +24.535
12. Alberto Valerio – Scuderia Coloni – +27.981
13. Luiz Razia – Rapax Team – +28.234
14. Ho-Pin Tung – DAMS – +29.197
15. Vladimir Arabadzhiev – Scuderia Coloni – +32.532
16. Max Chilton – Ocean Racing Technology – +37.938
17. Charles Pic – Arden – +40.251
18. Davide Valsecchi – iSport – +41.474

Ritirati

19. Romain Grosjean – DAMS – 24 giri
20. Pastor Maldonado – Rapax Team – 24 giri
21. Rodolfo Gonzalez – Arden – 23 giri
22. Johnny Cecotto – Trident Racing – 14 giri
23. Marcus Ericsson – Super Nova – 2 giri
24. Fabio Leimer – Ocean Racing Technology – 1 giro

In campionato

01. Maldonado 66 punti; 02. Perez 45; 03. Clos 43; 04. Bianchi 39; 05. van der Garde 27; 06. Pic 23; 07. Bird 22; 08. Razia 20; 09. Turvey 18; 10. Valsecchi 17

Jacopo Rubino


Stop&Go Communcation

Esattamente come 14 giorni fa a Silverstone, al termine di Gara 2 della GP2 Series a Hockenheim suona l’inno messicano: […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/gp2-250710-011.jpg Hockenheim, Gara 2: Sergio Perez ancora incontenibile nella seconda manche. Il messicano approfitta del ko di Maldonado