Tra sportellate e colpi di scena Stoffel Vandoorne e Jolyon Palmer si aggiudicano i primi due appuntamenti del campionato GP2 sul tracciato del Sakhir.

UPStoffel Vandoorne e Jolyon Palmer, una marcia in piu’.
Il pilota belga del team ART ha sbaragliato la concorrenza in gara 1, gestendo le difficoltà della feature race con l’autorità di un veterano dopo aver bruciato sullo scatto il poleman, Jolyon Palmer. Dopo la sontuosa vittoria al debutto come già accaduto lo scorso anno in WSR, Stoffel Vandoorne ha invece pagato l’inesperienza della battaglia a centro gruppo in sprint race, compromettendo la propria gara in un contatto al primo giro con Daniel De Jong. Errore di gioventu’ a parte, un weekend di debutto stellare per il grande talento belga.

Altrettanto positiva la prestazione di Jolyon Palmer. La prima guida DAMS ha riconfermato quanto di buono mostrato nei test pre-campionato: artigliata la pole position nella notte del venerdì’, Palmer si è reso protagonista di una grande rimonta fino al terzo posto in feature race dopo un primo giro da dimenticare. Scattato come una molla dalla sesta piazza di partenza in gara 2, il pilota britannico e’ riuscito ad artigliare subito la testa della corsa, mantenendo il gap rispetto agli altrettanto brillanti Simon Trummer del team Rapax e Juliàn Leal del team Carlin, entrambi splendidi protagonisti nel weekend del Sakhir. Menzioni d’onore per il francese Arthur Pic del team Campos, solida presenza nella lotta per la top ten in entrambe le gare e per Stefano Coletti, nuovamente protagonista con Racing Engineering dopo il deludente finale di stagione 2013.

 

DOWN – Prestazione complessiva poco convincente invece per Felipe Nasr.
Atteso protagonista per la lotta al titolo in questa stagione 2014, il pilota brasiliano e’ partito con la marcia sbagliata sin dalle qualifiche rimediando una penalizzazione di tre posizioni in griglia per un’incomprensione con Johnny Cecotto Jr. Riuscito inizialmente a portarsi a ridosso dei primi cinque in feature race, Nasr ha sofferto un crollo di prestazione gomma sul finale di gara, arretrando fino all’ottava piazza. In sprint race, il pilota Carlin ha vanificato completamente la partenza dal palo (ottenuta in virtu’ dell’inversione dei primi otto piloti di gara 1) con uno scatto a rallentatore. Sprofondato al quinto posto, Nasr e’ riuscito a trova solo nel finale di gara la brillantezza perduta arpionando la quarta piazza ad Adrian Quaife-Hobbs.
Troppo poco per uno dei maggiori pretendenti al titolo.

Bocciato Kimiya Sato, pilota giapponese Campos protagonista di un’incomprensibile quanto pericoloso tamponamento in fase di sorpasso ai danni del malcapitato pilota Trident, Axcil Jefferies, al terzo giro di gara 1. Deludente weekend anche per Alexander Rossi del team Caterham, bastonato dal compagno di team Rio Haryanto in qualifica e letteralmente disperso nelle retrovie in gara.

Lorenzo Lucidi

Twitter: @LorenzoLucidi93


Stop&Go Communcation

Semaforo verde per la stagione 2014 di GP2 series. Tra le dune del Sakhir emergono talenti e crollano certezze al termine di due gare intense.

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2014/04/updown31.jpg GP2 Series – Round 1, Sakhir