La GP2 Series vara un piano per ridurre i costi: la misura principale sarà quella di estendere di altri tre anni la vita agonistica delle attuali monoposto, che saranno quindi in pista fino alla fine del 2016.

A rivelarlo è Autosport, riportando le parole del boss della categoria cadetta Bruno Michel: “Lasceremo l’opzione di produrre un kit di aggiornamento, come abbiamo fatto in GP3, perché il look delle Formula 1 nel 2014 potrebbe cambiare. Ma costerà decisamente meno di una nuova macchina”.

L’odierna GP2/11, introdotta nel 2011, l’anno prossimo avrebbe dovuto lasciare spazio ad un nuovo modello dopo aver esaurito il proprio ciclo operativo di tre anni. Questo passaggio forzato, inevitabilmente, avrebbe costretto i team a ulteriori sacrifici economici.

“Alla vigilia della decima stagione di GP2, da un punto di vista generale, il campionato sta andando molto bene. La crisi economica però ha colpito il settore, tutti la stanno avvertendo. Ci rendiamo conto che oggi è abbastanza difficile trovare 26 piloti con il budget necessario, così abbiamo fatto alcuni passi indietro per contenere le spese”.

In arrivo anche “sconti” per l’acquisto dei ricambi. “Non posso fornire numeri precisi, perché variano da un team all’altro, ma queste mosse permetteranno risparmi significativi”, ha puntualizzato il manager francese.

Oggetto di intervento sarà inoltre il calendario, per limitare le spese logistiche: uno dei quattro round extraeuropei potrebbe lasciar spazio a un weekend al Moscow Raceway, mentre nel complesso si cercherà di ricorrere maggiormente all’invio dei materiali via nave, piuttosto che per via aerea.

“Se ci riuscissimo, i costi di trasporto scenderebbero del 50 per cento”, ha sottolineato Michel.

Jacopo Rubino


Stop&Go Communcation

La GP2 Series vara un piano per ridurre i costi: la misura principale sarà quella di estendere di altri tre anni la vita agonistica delle attuali monoposto.

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2013/06/gp2-dallara-170613-01.jpg GP2 al risparmio, l’attuale vettura per altre tre stagioni