Dopo un buon precampionato nel quale ha potuto ambientarsi all'interno del Rapax Team, Luiz Razia si dice fiducioso in vista della sua seconda stagione in GP2 Series, che scatterà fra poco più di tre settimane. "Da marzo abbiamo completato sei giornate di test senza alcun problema meccanico", afferma il brasiliano. "Questo ci ha permesso di essere molto produttivi e di passare più tempo in pista, piuttosto che fermi ai box. Vedendo il lavoro fatto al Paul Ricard e al Montmelò, conto di poter affrontare una buona annata, che significherebbe lottare per la zona podio e per la vittoria".

Vincitore nel 2009 di Gara 2 a Monza, quando difendeva i colori della Scuderia Coloni, Razia si aspetta una battaglia serrata in tutti gli appuntamenti del calendario. "Tutte le squadre conoscono bene la macchina, dal 2008 il pacchetto tecnico è rimasto lo stesso. Almeno sette squadre vanno davvero forte, il che significa che 14 concorrenti hanno il potenziale per occupare le posizioni di vertice".

"Lo si è visto in queste prove collettive, nelle quali spesso la top-ten era racchiusa in tre o quattro decimi. Nei week-end di gara le differenze andranno però ampliandosi, dati i pochi minuti a disposizione per girare e definire gli assetti".

Razia cercherà così di far tesoro dell'esperienza accumulata lo scorso anno e della possibilità di assimilare le metodologie della Formula 1, ricoprendo infatti il ruolo di collaudatore alla Virgin Racing. Per questo il driver sudamericano spera più avanti di poter guidare la VR01 nei venerdì dei Gran Premi previsti dopo la conclusione del calendario della categoria cadetta. "Magari a Suzuka o Interlagos…", ha ammesso. "Per Timo (Glock, ndr) non sarebbe un grosso problema, ormai conosce tutti i tracciati".

Jacopo Rubino


Stop&Go Communcation

Dopo un buon precampionato nel quale ha potuto ambientarsi all'interno del Rapax Team, Luiz Razia si dice fiducioso in vista […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/gp2-150410-01.jpg Dopo l’esito delle prove precampionato, Luiz Razia afferma: “Mi aspetto una buona stagione”