Periodo intenso per Alexander Rossi, che "in mezzo" alla sua partecipazione nella GP2 Asia Series, la scorsa settimana al Paul Ricard si è cimentato nei primi test collettivi della GP3, in cui correrà con la ART Grand Prix. Il driver americano, rookie of the year della F.Master nel 2009, ha cominciato subito con il piede giusto marcando il miglior tempo assoluto, e facendo quindi intendere di poter essere fra i contendenti più accreditati alla conquista del titolo.

"Questi test sono andati molto bene: non solo per me e per il team, ma anche per il campionato in generale", ha commentato il 18enne californiano. "Sono rimasto colpito dall'affidabilità e dal supporto tecnico ricevuto, a dispetto di una macchina tutta nuova e di condizioni del tracciato instabili".

Anche il feeling con gli uomini della ART sembra essersi rivelato eccellente al primo colpo: "La squadra è stata impeccabile, voglio ringraziare Frederic Vasseur e Nicolas Todt per la fiducia che hanno riposto in me. Le aspettative sono piuttosto elevate, così come deve essere".

Prima di buttarsi a capofitto nell'avventura in GP3, resta comunque da completare il percorso in GP2 Asia: in questo week-end si tornerà in Bahrain (in concomitanza con la Formula 1), per l'ultimo dei quattro round nel calendario. Rossi sarà ancora alla guida della Dallara #18 schierata dalla Meritus: "Voglio far tesoro di quanto appreso sin qui per concludere con un risultato importante", sottolinea Rossi. "Il fatto di essere sotto i riflettori della F1 mi dà ancora più motivazione".

"Questa esperienza in GP2 Asia mi ha fatto crescere. Con la GP3 c'è un grosso divario in termini di prestazioni, ma in fatto di stile di guida sono piuttosto vicine".

Jacopo Rubino


Stop&Go Communcation

Periodo intenso per Alexander Rossi, che "in mezzo" alla sua partecipazione nella GP2 Asia Series, la scorsa settimana al Paul […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/gp2-090310-01.jpg Dopo aver dettato il ritmo nei primi test della GP3, Alexander Rossi vuol chiudere in bellezza l’avventura in GP2 Asia Series