È stata certamente la qualifica di GP2 più divertente della stagione, quella di oggi pomeriggio a Budapest. Come ciliegina sulla torta ecco pure un nome inedito in pole-position: Max Chilton. Grazie a un vero colpo di reni, nell’ultimissimo giro lanciato possibile, il pilota del team Carlin è spuntato quasi dal nulla balzando davanti a tutti con il suo 1:28.980.

La sessione è stata tiratissima dall’inizio alla fine. Nelle prime fasi l’asfalto era ancora umido, dopo la pioggia caduta nelle prove libere della Formula 1, ma i concorrenti hanno optato per montare subito le gomme slick. Dapprima a mescola media, poi a mescola supersoft, con un continuo abbassamento dei riferimenti cronometrici e numerosi avvicendamenti al comando.

Chilton ha strappato la pole al connazionale James Calado per appena 23 millesimi, ma ad affiancarlo in prima fila ci sarà in realtà il nostro Davide Valsecchi (staccato di 54/1000…). L’alfiere della Lotus GP, dopo le free practice di questa mattina, sarà infatti arretrato di due posizioni sulla griglia per aver rallentato Felipe Nasr.

Calado partirà quindi quarto, dietro all’altro britannico Jolyon Palmer. Al via ci sarà di conseguenza un avversario in più tra Valsecchi e il leader del campionato Luiz Razia, 5° davanti a Giedo van der Garde, Esteban Gutierrez e Fabio Leimer.

A conferma di quanto sia stato combattuto questo turno, in cinque decimi sono racchiusi i primi 11 concorrenti, compresi Marcus Ericsson, Johnny Cecotto e Josef Kral.

14° piazza per l’altro italiano Fabio Onidi, seguito a ruota dallo spagnolo Sergio Canamasas, già abbastanza competitivo insieme al team Lazarus, con cui ha esordito a Hockenheim.

Nelle retrovie “scaramucce” tra Stephane Richelmi e Ricardo Teixeira, con il monegasco nervoso per essere stato rallentato dal rivale della Rapax: conoscendo la solerzia dei commissari nella categoria cadetta, non è affatto da escludere una penalità.

Classifica

01. Max Chilton – Carlin – 1:28.980
02. James Calado – Lotus GP – 1:29.003
03. Davide Valsecchi – DAMS – 1:29.034
04. Jolyon Palmer – iSport – 1:29.093
05. Luiz Razia – Arden – 1:29.177
06. Giedo van der Garde – Caterham Racing – 1:29.202
07. Esteban Gutierrez – Lotus GP – 1:29.248
08. Fabio Leimer – Racing Engineering – 1:29.334
09. Marcus Ericsson – iSport – 1:29.345
10. Johnny Cecotto Jr – Barwa Addax – 1:29.367
11. Josef Kral – Barwa Addax – 1:29.472
12. Nathanael Berthon – Racing Engineering – 1:29.496
13. Felipe Nasr – DAMS – 1:29.574
14. Fabio Onidi – Scuderia Coloni – 1:29.637
15. Sergio Canamasas – Venezuela GP Lazarus – 1:29.666
16. Nigel Melker – Ocean Racing Technology – 1:29.717
17. Rio Haryanto – Carlin – 1:29.786
18. Victor Guerin – Ocean Racing Technology – 1:29.786
19. Stefano Coletti – Scuderia Coloni – 1:29.906
20. Stephane Richelmi – Trident Racing – 1:30.027
21. Rodolfo Gonzalez – Caterham Racing – 1:30.201
22. Julian Leal – Trident Racing – 1:30.202
23. Ricardo Teixeira – Rapax – 1:30.475
24. Simon Trummer – Arden – 1:30.655
25. Daniel de Jong – Rapax – 1:30.930
26. Giancarlo Serenelli – Venezuela GP Lazarus – 1:33.093

Jacopo Rubino


Stop&Go Communcation

È stata certamente la qualifica di GP2 più divertente della stagione, quella di oggi pomeriggio a Budapest. Come ciliegina sulla […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/07/gp2-270712-03.jpg Budapest, Qualifiche: Chilton beffa tutti e conquista la prima pole