Atto quarto e chiusura. La GP2 Asia Series si ritrova ancora a Sakhir, a distanza di due settimane, per l'ultimo appuntamento in programma. Sulla carta il campionato non ha più nulla da dire, dopo aver emesso in maniera più che cristallina i propri verdetti: titolo piloti a Davide Valsecchi, titolo squadre alla iSport, per quello che si è rivelato un binomio capace di sbaragliare ogni concorrenza.

In realtà il bello potrebbe venire proprio adesso. Questa volta in Bahrain la GP2 Asia sarà di supporto alla Formula 1 (assieme a Porsche Supercup e Chevrolet Super Car Middle East Championship), che darà il via al Mondiale 2010. Di conseguenza, i concorrenti in griglia avranno una spinta ulteriore a ben figurare, cercando di attirare l'attenzione dei team manager pensando al proprio futuro agonistico.

A mettere un po' di pepe in più ci penserà inoltre il nuovo layout della pista, pronto ad essere inaugurato proprio in questa occasione. Si tratta della cosiddetta configurazione "Endurance", la quale aggiunge una ulteriore serie di pieghe (cinque in totale) dopo la Curva 4, portando la lunghezza totale del percorso a 6299 metri.

Meno giri quindi, ma forse i concorrenti potranno godere di qualche opportunità in più di sorpasso, a tutto vantaggio di uno spettacolo che in ogni caso, bisogna dirlo, in questa edizione 2009/2010 non è certo mancato.

Per quanto riguarda i principali protagonisti attesi ad animare l'evento, impossibile ormai escludere il solito Valsecchi, per giunta libero da qualsiasi pressione di risultato; attenzione però alla coppia della Arden, apparsa in formissima quindici giorni fa, con Charles Pic vincitore di Gara 2 e Javier Villa capace di realizzare un doppio podio. Jules Bianchi (ART Grand Prix) cercherà di rifarsi della sfortuna che non gli ha permesso di far tesoro della pole-position strappata proprio a Valsecchi.

Italiani ancora sugli scudi, con Giacomo Ricci lanciatissimo e voglioso di confermare il secondo posto in classifica generale, e un Luca Filippi che si appresta a dire addio alla GP2, concludendo un'avventura iniziata nel 2006. Edoardo Piscopo terminerà l'esperienza "asiatica" con l'obiettivo di bissare quanto di buono già fatto vedere qui alle porte di Manama, e battagliare ancora in zona punti.

Non ci sarà invece Daniel Zampieri, impegnato nei concomitanti test collettivi della World Series by Renault a Jerez de la Frontera. Al suo posto il Rapax Team ha chiamato Luiz Razia, mentre annoveriamo il ritorno di Dani Clos con la Trident, già visto ad Abu Dhabi. Rientro anche per il venezuelano Rodolfo Gonzalez, che prende il posto di Giedo van der Garde in Barwa Addax, dopo l'intervento chiurgico alle ginocchia a cui si è sottoposto nelle scorse settimane.
 
Infine, sarà l'occasione per congedare la prima generazione di vetture realizzate dalla Dallara (denominate GP2/05), utilizzate dal 2005 per le prime tre stagioni della Main Series e poi "dirottate" in queste edizioni della GP2 Asia.

Gli orari del week-end

Venerdì 12 marzo
11:55 (09:55) – Prove Libere
16:00 (14:00) – Qualifiche

Sabato 13 marzo
15:45 (13:45) – Gara 1 (29 giri)

Domenica 14 marzo
10:50 (08:50) – Gara 2 (20 giri)

* Tra parentesi gli orari italiani

Jacopo Rubino


Stop&Go Communcation

Atto quarto e chiusura. La GP2 Asia Series si ritrova ancora a Sakhir, a distanza di due settimane, per l'ultimo […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/gp2-110310-01.jpg Asia Series – Sakhir, Preview: Ultima tappa per il mini-tour asiatico, sotto gli occhi attenti del paddock della Formula 1