È bastata una curva, la prima, per scoprire il vincitore del titolo 2011 della GP2 Asia Series: Romain Grosjean. Involontario arbitro si è rivelato Fairuz Fauzy: il malese, che si era allineato dalla pole-position, è stato autore di una pessima partenza, creando così scompiglio alle sue spalle. Alla staccata in fondo al Tamburello il pilota della Super Nova ha violentemente speronato un incolpevole Jules Bianchi. Per entrambi Gara 2 si è conclusa in quell’istante, e il portacolori della Lotus ART ha dovuto abbandonare i propositi di aggiudicarsi il campionato, già abbastanza risicati.

Per Grosjean questa Sprint Race si è quindi rivelata una lunga e divertente cavalcata, terminata al 4° posto e condita da qualche duello con Giedo van der Garde (3°) e Esteban Gutierrez (5°). Spettacolare il ruota a ruota con il messicano alla Variante Alta, che ha costretto il neocampione ad un taglio di traiettoria per evitare il contatto.

Là davanti ha invece avuto vita facile Dani Clos, che capitalizzando il margine guadagnato dal caos dello start ha viaggiato in testa sino alla bandiera a scacchi, salutata dopo 25 giri sul velluto. Lo spagnolo ha trovato in Fabio Leimer (2°) il suo unico vero avversario, ma lo svizzero della Rapax è sempre rimasto a distanza di sicurezza.

A completare il podio, come detto, van der Garde: l’olandese è stato l’unico capace in questo week-end di chiudere nella top 3 in entrambe le corse. L’ultimo punticino disponibile se lo è aggiudicato Michael Herck per la Scuderia Coloni, davanti a Pal Varhaug e a Oliver Turvey.

Gli italiani restano a mani vuote sulla pista di casa: Luca Filippi (10°) è stato però autore di una positiva rimonta, mentre Andrea Caldarelli è 12°. Dal fondo della griglia Davide Valsecchi non è riuscito ad andare oltre il 17° posto, rischiando pure in una piccola uscita alla Variante Villeneuve, in una delle numerose sportellate viste in questa domenica all’autodromo “Enzo e Dino Ferrari”. Il lombardo, oggi, cede lo scettro della GP2 Asia a Grosjean.

Figurano nella lista dei ritirati anche Jolyon Palmer e Stefano Coletti, fuori gioco al primo giro. Un peccato per il monegasco, ieri molto competitivo ma ritrovatosi senza alettone posteriore a causa di un tamponamento. Destino simile per Sam Bird, “spinto” nella ghiaia della prima curva da Johnny Cecotto, con il quale era in bagarre. Il venezuelano è poi incappato in un ulteriore testacoda, seppur senza conseguenze.

Va perciò in archivio questa particolare edizione della GP2 Asia Series. Romain Grosjean bissa il trionfo del 2008 e si candida inevitabilmente al ruolo di favorito per la Main Series. In poche parole, è l’uomo da battere…

Classifica

01. Dani Clos – Racing Engineering – 25 giri
02. Fabio Leimer – Rapax Team – +0.931
03. Giedo van der Garde – Addax Team – +4.007
04. Romain Grosjean – DAMS – +7.826
05. Esteban Gutierrez – Lotus ART – +8.366
06. Michael Herck – Scuderia Coloni – +15.312
07. Pal Varhaug – DAMS – +27.415
08. Oliver Turvey – Ocean Racing Technology – +29.294
09. Josef Kral – Arden – +29.721
10. Luca Filippi – Scuderia Coloni – +30.139
11. Charles Pic – Addax Team – +32.505
12. Andrea Caldarelli – Ocean Racing Technology – +36.006
13. Nathanael Berthon – Racing Engineering – +36.893
14. Luiz Razia – Team AirAsia – +38.898
15. Max Chilton – Carlin – +39.815
16. Marcus Ericsson – iSport – +40.192
17. Davide Valsecchi – Team AirAsia – +42.100
18. Julian Leal – Rapax Team – +1:05.466
19. Johnny Cecotto – Super Nova – a 1 giro
20. Mikhail Aleshin – Carlin – a 1 giro

Ritirati

21. Sam Bird – iSport – 21 giri
22. Rodolfo Gonzalez – Trident Racing – 15 giri
23. Stefano Coletti – Trident Racing – 0 giri
24. Jolyon Palmer – Arden – 0 giri
25. Fairuz Fauzy – Super Nova – 0 giri
26. Jules Bianchi – Lotus ART – 0 giri

Jacopo Rubino
Foto: Manuel Eletto


Stop&Go Communcation

È bastata una curva, la prima, per scoprire il vincitore del titolo 2011 della GP2 Asia Series: Romain Grosjean. Involontario […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/clos.jpg Asia Series – Imola, Gara 2: Vince Clos, Grosjean è il campione 2011!