Agli appassionati sembra utile soltanto per le statistiche, ma ovviamente il campionato a squadre della GP2 Series ha una grande rilevanza per i diretti protagonisti. Per la seconda volta (la prima nel 2008) a centrare questo risultato è stata la Barwa Addax, per la felicità del patron Alejandro Agag.

“È un titolo che significa molto, sono davvero orgoglioso. Abbiamo dimostrato di esserci ormai affermati come uno dei top team in GP2”, ha dichiarato il magnate spagnolo, tracciando un bilancio di questa stagione. “Siamo stati capaci di assemblare un grande gruppo di professionisti, portando stabilità ed esperienza. Non sarebbe stato possibile senza l’aiuto dei nostri sponsor, che hanno reso questo impegno sostenibile a livello economico”.

La compagine iberica, con Giedo van der Garde e Charles Pic, ha probabilmente messo in campo la coppia più omogenea a livello di competitività. Entrambi i piloti sono stati in lotta per il titolo, con vittorie e pole-position: “Entrambi sono stati parecchio sfortunati nella seconda metà dell’anno”, ha però sottolineato Agag. “Ma la battaglia è stata piuttosto serrata, e c’erano alcuni avversari fortissimi come Filippi, Bianchi e, ovviamente, Grosjean”.

“Noi siamo stati velocissimi in qualifica. In tutti gli appuntamenti, tranne in un’occasione, abbiamo conquistato almeno il secondo posto in griglia. Questo, per me, significa soltanto una cosa: dobbiamo diventare altrettanto competitivi sul ritmo-gara”.

L’obiettivo per il 2012, quindi, resta la conquista del titolo piloti. Agag avvisa: “Per riuscirci bisognerà continuare a lavorare bene e schierare la miglior coppia di corridori. Siamo già all’opera…”.

Jacopo Rubino


Stop&Go Communcation

Agli appassionati sembra utile soltanto per le statistiche, ma ovviamente il campionato a squadre della GP2 Series ha una grande […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/11/gp2-101011-01.jpg Alejandro Agag, boss della Barwa Addax: “Orgoglioso per il titolo a squadre”