Un calcio alla sfortuna. Dopo un avvio di campionato a dir poco funestato dalla malasorte, Adrian Zaugg a Hockenheim è riuscito finalmente a esprimere le proprie potenzialità cogliendo i primi 6 punti della stagione. Il sudafricano ha concluso 7° in Gara 1, facendo tesoro delle ottime qualifiche in cui aveva conquistato la terza fila.

“La gara è subito iniziata con una buona partenza, poi nel corso del primo giro sono stato spinto all’esterno da una monoposto alla curva 3 ed ho perso posizioni. Sono stato ad un soffio dal finire in testacoda, ma fortunatamente ho ripreso la corsa”, racconta il portacolori del team Trident, più di una volta ko già al primo giro. “Abbiamo ritardato un po’ il pit-stop, e dopo la sosta mi sono ritrovato in pista a sandwich tra le monoposto di Turvey ed Herck. È stata una fase molto animata, dove vedevo di essere più veloce di Turvey ma non trovavo lo spazio giusto per provare l’attacco. A tre giri dalla fine ci sono finalmente riuscito, e appena mi sono trovato con la pista libera i tempi sul giro si sono sensibilmente abbassati”.

Il piazzamento ottenuto sabato gli ha permesso di scattare dalla prima fila in Gara 2. Un’opportunità ghiotta, che Zaugg non ha sprecato. “Ho effettuato il miglior start dell’anno. Sono passato al comando alla prima curva, ma avevo le gomme un po’ fredde e durante il primo giro ho leggermente spiattellato quelli anteriori, dopo aver bloccato le ruote in frenata”, spiega. “Turvey mi ha così ripassato, ma poi ho preso un buon ritmo, girando su ottimi tempi. Quando è arrivato Perez dietro di me non ho potuto far nulla per difendermi, mentre non ho avuto problemi a controllare Bianchi, che non è mai riuscito a prendere la mia scia”.

È così maturato il primo podio della carriera in GP2 per il driver nato a Singapore, che nella precedente esperienza del 2007 con la Arden non era mai andato oltre la sesta piazza. “L’essere salito sul podio mi gratifica e mi carica allo stesso tempo. Sono molto contento anche per il lavoro fatto con la squadra, e sono convinto che ci confermeremo tra pochi giorni nella prova di Budapest”, commenta l’ex protagonista della A1GP.

Per la Trident si tratta invece di un ritorno nella top 3 a distanza di oltre due anni, quando Mike Conway dominò la Sprint Race di Montecarlo.

Jacopo Rubino


Stop&Go Communcation

Un calcio alla sfortuna. Dopo un avvio di campionato a dir poco funestato dalla malasorte, Adrian Zaugg a Hockenheim è […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/gp2-270710-021.jpg Adrian Zaugg ottiene il suo primo podio in GP2 dopo tanta sfortuna: “Ci confermeremo a Budapest”