Con i cerchi sull’asfalto indiano disegnati dalla gioia di Sebastian Vettel ancora fumanti di gomma fresca, la Formula 1 è già tutta nel porto di Abu Dhabi, dove domenica si corre la terz’ultima gara del mondilale 2013 di Formula 1.

Il binomio Red Bull-Vettel, reduce non solo dal quarto mondiale ma anche dalle sei vittorie consecutive con cui la stagione si è definitivamente chiusa, è pronto a ripetersi ad Abu Dhabi, nell’unica corsa al tramonto del mondiale di Formula 1.

Metà di giorno e metà di notte, in un tracciato metà moderno metà “cittadino” con il passaggio vicino ai guard rail che proteggono l’esclusivissimo hotel che sovrasta il terzo settore, il Gp di Abu Dhabi vide Vettel solo quattro anni fa laurearsi campione del mondo per la prima volta al termine di una gara rocambolesca.

Oggi i giochi sono fatti, e i titoli entrambi assegnati, ma la competizione non è certo sfumata: specialmente in classifica costruttori, dove le posizioni contano per la spartizione degli introiti dei diritti televisivi, tre squadre lottano per il titolo di vice campione del mondo e i dieci milioni di euro che impreziosiranno lo sviluppo delle monoposto 2014.

L’India è stata distruttiva per la Ferrari, che è finita fuori dai punti con Alonso e il solo risultato di Massa non ha potuto fermare l’attacco incrociato della Mercedes, che con Rosberg sul podio ed Hamilton nella Top 5 ha compiuto un decisivo sorpasso a sole tre tappe dal termine.

Sorpasso che sarebbe stato alla portata anche della Lotus, se la strategia (e le frustrazioni) che hanno condizionato la gara di Raikkonen avessero preso una piega diversa.

Nulla è irrecuperabile, visto che il divario tra Mercedes e Ferrari è ridotto a quattro punti: nulla, con ancora 75 punti per pilota da assegnare da qui alla fine dell’anno.

Ma a fare la differenza saranno le prestazioni in queste condizioni così mutevoli, con gomme che perderanno grip durante la gara invece di guadagnarlo visto l’abbassamento della temperatura dovuto al calare del sole: la Pirelli porterà in pista le stesse mescole di quattro giorni fa, Medie e Morbide, che però si troveranno nella situazione opposta rispetto a quanto visto nella calda India.

Le strategie potrebbero facilmente stabilizzarsi su una sosta singola, di fatto costringendo tutti ad alzare il livello di performance in qualifica perché altre strade (come tentato da Alonso proprio domenica scorsa) non saranno possibili.

Il mondiale vero è finito, ma quello degli altri entra nel vivo: da domani pomeriggio tutti in pista di nuovo, come comprimari dei campionissimi, ma con molto da giocarsi sul proprio futuro.

Gli orari del fine settimana

Venerdì, 1 Novembre
10:00 – 11:30 Libere 1
14:00 – 15:30 Libere 2
Sabato, 2 Novembre
11:00 – 12:00 Libere 3
14:00 Qualifiche

Domenica, 3 Novembre
14:00 2013 FORMULA 1 ETIHAD AIRWAYS ABU DHABI GRAND PRIX

Massimo Caliendo


Stop&Go Communcation

I cerchi sull’asfalto disegnati da Vettel e dalla sua Red Bull sono ancora caldi sull’asfalto indiano ma la F1 è già ad Abu Dhabi, per la terz’ultima gara 2013.

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2013/10/abudhabi_preview.jpg Yas Marina, Preview: l’anteprima del GP di Abu Dhabi 2013