È ufficiale: Mark Webber ha firmato con la Porsche, e dal prossimo anno correrà la 24 Ore di Le Mans e tutto il World Endurance Championship. La conferma della casa tedesca è arrivata questa mattina, dopo le indiscrezioni dei mesi recenti.

Il pilota australiano, quindi, lascerà la Formula 1 a fine stagione. Alfiere della Red Bull dal 2007, Webber dal 2002 ad oggi ha raccolto 9 vittorie, 36 piazzamenti sul podio e 11 pole-position. Per lui sarà un ritorno nelle corse di durata: con la Mercedes nel 1998 fu vicecampione FIA GT e per due volte ha già partecipato alla maratona francese.

“È un onore per me unirmi alla Porsche in occasione del suo rientro nella categoria top per Le Mans e il World Endurance Championship”, ha commentato Webber. “La Porsche ha scritto la storia delle corse come costruttore ed è al vertice per tecnologia e prestazioni”.

“Sono davvero ansioso per questa nuova sfida dopo la mia carriera in Formula 1. Senza dubbio la Porsche ha fissato obiettivi molto ambiziosi, non vedo l’ora di poter guidare una delle più veloci vetture sport al mondo”.

Grande soddisfazione anche da Stoccarda. Wolfgang Hatz del settore ricerca e sviluppo ha affermato: “Mark è certamente uno dei migliori piloti al mondo, ha esperienza a Le Mans e per lungo tempo è stato un affezionato del marchio”.

“Ho potuto apprezzare le qualità di Mark quando eravamo entrambi in F1”, ha aggiunto Fritz Enzinger, capo del progetto LMP1 e con un passato in Williams durante l’era BMW. “È uno dei nomi migliori che potessimo immaginare per il nostro team, sono entusiasta”.

Webber è il quarto alfiere scelto dalla Porsche per il programma nel WEC dopo Timo Bernhard, Romain Dumas e un altro ex F1, Neel Jani.

Jacopo Rubino


Stop&Go Communcation

Mark Webber dirà addio alla F1 a fine anno. Ha firmato con la Porsche per correre dal 2014 la 24 Ore di Le Mans e tutto il World Endurance Championship.

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2013/06/f1-wec-webber-porsche-270613-01.jpg WEC – Ufficiale: Mark Webber con Porsche nel 2014, lascerà la F1