Indicato da più parti come l’anello debole della Force India nell’eventualità in cui Adrian Sutil decida effettivamente di restare lanciando la rincorsa al secondo sedile cui ambirebbero lo scozzese Paul Di Resta, già terzo pilota del team nel 2010 nonché campione in carica DTM, e l’ex driver della Williams Nico Hulkenberg, appiedato dalla scuderia di Grove per fare posto al rookie Pastor Maldonado, l’italiano Vitantonio Liuzzi ha rivelato alla stampa italiana di non sentirsi franare il terreno da sotto i piedi anche perché la formazione diretta da Vijay Mallya non l’avrebbe informato di alcun cambiamento a circa tre mesi dallo start del Mondiale 2011.

Ogni volta che un pilota viene associato alla Force India – ha protestato il 29enne corridore nativo di Locorotondo – il predestinato a perdere il posto è sempre il sottoscritto. Questo almeno sostengono i media, dal canto mio invece sono molto tranquillo. I vertici della squadra non mi hanno informato circa la possibilità di cambiamenti che potrebbero riguardarmi, inoltre ho un contratto valido fino al termine del 2011 e sto già impostando il lavoro seguendo tale prospettiva”.

Liuzzi non ha quindi problemi ad ostentare sicurezza: “Mi sento bene, non soltanto per via dell’accordo firmato ma anche perché mantengo ottime relazioni con tutti gli esponenti della Force India. La squadra mi ha detto chiaramente di non preoccuparmi per le numerose illazioni che circolano nelle ultime settimane, e vorrei ricordare la conferenza stampa di Suzuka 2010, quando il team smentì queste voci”.

Il fatto di non comparire nella lista iscritti diramata dalla Federazione Internazionale non crea malumori al pilota cresciuto a Pescara: “In F.1 ci sono molti altri drivers che non si trovano su quella lista pur avendo firmato un regolare contratto. Tra me e la Force India la situazione è a dir poco cristallina. Ne ho sentite di tutti i colori, ma analizzando attentamente la vicenda si capisce che si tratta di speculazioni prive di costrutto. Qualcuno ricorderà che secondo certi giornalisti Di Resta avrebbe dovuto rimpiazzarmi a stagione in corso, invece alla fine il team non ha modificato la line-up di piloti”.

Quali fonti, dunque, possono ritenersi attendibili? “Non voglio dar retta a certe supposizioni – ha tagliato corto Liuzzi – il mio unico referente è il team, il resto fa semplicemente parte del gioco”.

Ermanno Frassoni


Stop&Go Communcation

Indicato da più parti come l’anello debole della Force India nell’eventualità in cui Adrian Sutil decida effettivamente di restare lanciando […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/liuzzi.jpg Vitantonio Liuzzi ostenta tranquillità sul futuro in Force India: “Non è cambiato nulla”