Vitaly Petrov potrebbe aver svoltato completamente la sua carriera in Formula 1 con il terzo posto ottenuto nel Gran Premio d’esordio della stagione 2011 in Australia. Un risultato poco preventivato, soprattutto per la mancanza di consistenza mostrata dal russo durante tutto il 2010 e per il fatto di aver ricevuto la conferma alla guida della Lotus Renault grazie alla presenza di munifici sponsor alle sue spalle.

Logiucamente ora le aspettative nei suoi confronti si sono improvvisamente impennate, ma Petrov intende mantenere i piedi per terra: “Una rondine non fa primavera – ha sentenziato secco – Siamo realistici e sappiamo che Red Bull, McLaren e Ferrari sono i punti di riferimento. E per ottenere ancora un podio dobbiamo fare meglio almeno di quattro dei loro piloti, che è un compito davvero arduo”.

A chi gli dice, in maniera un po’ sarcastica, di aver tenuto per due volte consecutive uno dei principali protagonisti come Fernando Alonso, lui risponde senza esitare: “Non è giusto metterla così. Queste sono le corse, sono stato più veloce di lui nelle ultime due gare. Ma certamente, in futuro, avremo grandi battaglie. Puoi esserne sicuro”.

Mattia Fachinetti


Stop&Go Communcation

Vitaly Petrov potrebbe aver svoltato completamente la sua carriera in Formula 1 con il terzo posto ottenuto nel Gran Premio […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/f1-07042011-petrov-malesia.jpg Vitaly Petrov trasformato dal podio in Australia