Ha fatto molto parlare la notizia comunicata a Melbourne dalla Virgin Racing, che dalla FIA ha ricevuto il nulla osta per modificare le dimensioni del proprio serbatoio, troppo contenute per consentire l'arrivo al traguardo nei Gran Premi più esigenti dal punto di vista dei consumi.

La Wirth Research, la società di engineering di Nick Wirth, direttore tecnico della squadra britannica, è già al lavoro sulla nuova monoscocca che sarà introdotta a partire dal round di Barcellona, il primo della stagione europea. Ciò significa che a Sepang e Shanghai i due piloti Timo Glock e Lucas Di Grassi dovranno convivere ancora con questo problema.

Ad Autosport, in ogni caso, Wirth ha sottolineato come sarà la propria factory a sostenere i costi per le modifiche: "Il telaio è nostra competenza e saremo noi a risolvere la questione. È nostra responsabilità fornire vetture in grado di concludere una corsa, la squadra in sé non c'entra niente. Per adesso non stiamo facendo molto bene, specialmente in qualifica".

Anche in Australia le due VR-01 sono state costrette ad un forfait anticipato, ma gli uomini della Virgin sono fiduciosi. "A Melbourne con Glock abbiamo coperto il 70% della distanza prevista e non avevamo problemi con il carburante. Purtroppo un braccetto della sospensione si è danneggiato e abbiamo optato per il ritiro. Ci sono chiari segnali di progresso", ha diciarato Wirth.

"Andremo in Malesia a testa alta, sapendo che possiamo fare sempre meglio", ha invece affermato il team principal John Booth.


Stop&Go Communcation

Ha fatto molto parlare la notizia comunicata a Melbourne dalla Virgin Racing, che dalla FIA ha ricevuto il nulla osta […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/f1-310310-03.jpg Virgin al lavoro per risolvere il problema di capienza del serbatoio, ma fiduciosa per i progressi compiuti