La Caterham ha iniziato la sua terza stagione, la prima con il nuovo nome, un po’ sulla falsariga di quelle precedenti, ovvero dimostrando di essere il migliore fra i non più “nuovi team”. Tuttavia all’interno del gruppo si pensava che il salto di qualità potesse essere maggiore rispetto a quanto visto nelle prime due prove, dal momento che rimane ancora del divario con le squadre di centro classifica.

A parlare dell’andamento iniziale della stagione 2012 è stato Tony Fernandes, Team Principal della Caterham: “In Malesia abbiamo mostrato una sorta di passo da gara del quale abbiamo goduto pure in Australia, dove entrambe le macchine stavano facendo segnare tempi sul giro simili a quelli che hanno ottenuto regolarmente punti nel 2011 – ha detto – E se si prende dove il Campione del Mondo attuale Sebastian Vettel abbia finito allora siamo tornati a casa da un GP molto difficile a testa certamente alta! Sicuramente sappiamo quanto sia dura colmare il gap con i team di centro classifica e stiamo lottando come tigri per compiere ciò”.

L’occasione ha permesso anche di parlare della sostituzione di Jarno Trulli con Vitaly Petrov: “Jarno ha giocato un ruolo incredibilmente importante nei primi due anni del team – ha ammesso – Lui ed Heikki ci hanno dato l’esperienza e la forza che avevamo bisogno dal giorno uno per fare in modo che finissimo 10° nelle nostre prime due stagioni. Tuttavia volevamo portare in casa qualche nuovo talento, e Vitaly ha mostrato di essere un acquisto incredibilmente buono per la scuderia. È veloce, è di talento, e si è adattato immediatamente. È affamato, è desideroso di dimostrare di avere le carte per inserire al vertice ed in più ha un grande senso dell’umorismo. Ha portato nuova energia da par suo e siamo felici che sia con noi”.

L’impegno di Fernandes non è comunque solamente rivolto alla Formula 1: “Ovviamente aiuta avere una compagnia aerea e posso usarla in modo tale che mi aiuti nel bilanciare i miei programmi, quindi posso essere presente sia alle partite di calcio del Queens Park Rangers sia alla corse in maniera eguale – ha infine aggiunto – Mentalmente dedico il maggior tempo possibile alla Formula 1, alla GP2, al nostro programma di sviluppo di giovani piloti ed al QPR. Ciò che mi consente di dividermi così sono le persone che stanno all’interno della Caterham e del QPR, ed anche i telefoni cellulari. Posso mantenermi aggiornato su ogni aspetto del mio mondo sportivo”.

Mattia Fachinetti


Stop&Go Communcation

La Caterham ha iniziato la sua terza stagione, la prima con il nuovo nome, un po’ sulla falsariga di quelle […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/03/f1-010412-caterham.jpg Tony Fernandes sulla Caterham: “Stiamo lottando come tigri per recuperare”