Dopo aver dichiarato nei giorni scorsi di sentirsi al 99,9 per cento un pilota della Virgin in ottica 2011, il tedesco Timo Glock, determinato a rassicurare gli animi dei suoi tifosi a breve raggio dalla diffusione da parte della FIA dell’entry list provvisoria che al momento non include il nome del driver originario di Lindenfels tra gli iscritti, ha ribadito di voler continuare a difendere i colori della scuderia fondata dal magnate britannico Richard Branson le cui quote di maggioranza appartengono ora alla Marussia di Nikolay Fomenko in seguito all’accordo finalizzato alcune settimane addietro.

Guardo con impazienza al 2011 – ha precisato Glock – anche perché continuerò sicuramente il mio rapporto di collaborazione col team Virgin. Nell’ultimo periodo sono circolate numerose speculazioni che mi volevano deciso a lasciare la squadra, ma non è mia intenzione farlo, l’obiettivo è invece quello di migliorare insieme al team concretizzando dei passi in avanti”.

Al campione 2007 della GP2 Series, rientrato stabilmente in F.1 nel 2008 alla corte della Toyota, preme anche rivedere il discorso delle percentuali: “E’ stato scritto che al 99,9 per cento sarei rimasto alla Virgin, ma adesso posso dire che non è vero, al cento per cento non cambierò squadra! Fin dall’inizio sapevo di aver firmato un accordo a lungo termine, inoltre ho sempre sostenuto di voler fornire il mio contributo al team per costruire qualcosa di grande in futuro. Non è possibile portare a degno compimento un’operazione simile in un anno, senza contare che nel 2011 l’affiatamento in squadra sarà superiore rispetto alla stagione d’esordio”.

Glock non esita a prendere le difese della Virgin in merito alle critiche formulate a più riprese dagli addetti ai lavori: “Alla Virgin ho trovato un ambiente di sangue, lacrime e sudore, dove nessuno si risparmia. Non tutti hanno potuto rendersene conto, quindi per certa gente è facile essere cinici”.

Il 28enne pilota che concretizzò il suo debutto in F.1 nel Gran Premio del Canada edizione 2004 rimpiazzando l’italiano Giorgio Pantano alla Jordan condivide infine la scelta dei vertici Virgin di ritardare l’annuncio sulla line-up 2011: “Su di me non c’è nulla da rivelare visto che sono già confermato. La squadra però vuole optare per un annuncio cumulativo, pertanto quando si conoscerà il nome del secondo pilota verranno citate anche le mie generalità. E’ giusto prendere tempo in modo da avere la miglior combinazione possibile di esperienza e giovinezza, in attesa di presentarci ai test pre-stagione nell’ideale stato di forma utile a sviluppare bene la vettura. Non penso comunque che bisognerà attendere molto, entro Natale potrebbero esserci interessanti novità”. 

Ermanno Frassoni


Stop&Go Communcation

Dopo aver dichiarato nei giorni scorsi di sentirsi al 99,9 per cento un pilota della Virgin in ottica 2011, il […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/glock1.jpg Timo Glock chiarisce in via definitiva le sue intenzioni: “Nessun dubbio, nel 2011 difenderò i colori della Virgin”