Cala il sipario a Jerez de la Frontera, dove si è svolta l'ultima giornata (l'ottava, complessivamente) di prove collettive da parte dei team di Formula 1. Qualche nuvola non ha assolutamente disturbato i presenti, spettatori compresi, che hanno potuto godere di temperature attorno ai 15 gradi e di condizioni pressoché ideali.

Anche per questo, forse, è stato segnato il miglior tempo assoluto di una vettura in configurazione 2010 sul tracciato andaluso: merito di Jenson Button, che poco dopo le 11 è stato capace di infrangere con la sua McLaren la barriera del minuto e 19 arrivando al definitivo 1:18.871, inferiore di quattro decimi rispetto al primato stabilito ieri da Mark Webber e battuto peraltro anche da Robert Kubica e Kamui Kobayashi, rispettivamente secondo e terzo.

La caccia al tempo, almeno per i leader della graduatoria, si è conclusa in mattinata, mentre nel pomeriggio come al solito le squadre hanno virato su un programma focalizzato su long-run, prove comparative di gomme e assetti con serbatoio carico, simulazioni di pit-stop. Solo Rosberg e Glock hanno leggermente ritoccato i propri crono dopo pranzo.

Un po' a sorpresa è Jarno Trulli ad avere accumulato il maggior chilometraggio della sessione, con ben 141 giri coperti al proprio esordio con la Lotus, un paio in più di Alguersuari, Alonso e Hulkenberg. La monoposto anglo-malese non è stata vittima di alcun inconveniente meccanico, ma compare in fondo alla graduatoria a dispetto di qualche tentativo di "qualifica". Il testa a testa fra le scuderie debuttanti vede prevalere ancora la Virgin in termini cronometrici, ma Timo Glock è stato a lungo trattenuto ai box per noie di natura idraulica, che hanno costantemente frenato la VR-01 in questa trasferta andalusa.

Molto bene l'altro italiano Vitantonio Liuzzi, quarto ai comandi della Force India, che ha preceduto due big come Nico Rosberg (Mercedes) e Fernando Alonso (Ferrari), vera calamita per gli appassionati in tribuna, arrivati in buon numero. Lo spagnolo è davanti al connazionale Jaime Alguersuari, mentre sono più arretrate del solito Red Bull e Williams.

Webber (8°), fermo per un guasto verso le 11:25, ha dovuto attendere parecchio prima che i meccanici sistemassero la RB6, operando per giunta un cambio precauzionale del propulsore; poco prima delle 16 anche Hulkenberg (9°) ha avuto a che fare con un problema di affidabilità, arrestandosi lungo il rettilineo d'arrivo.

In entrambi i casi è stato necessario sospendere provvisoriamente il turno, così come avvenuto nei primissimi minuti con Kobayashi. Questa mattina il giapponese, mentre percorreva il suo secondo passaggio, ha infatti dovuto parcheggiare la sua Sauber alla Curva 14. Complessivamente è stato comunque un sabato piuttosto tranquillo, senza altri episodi degni di nota. Curioso, tuttavia, che la Virgin di Glock sia nuovamente andata ko ad appena due minuti dal termine: la bandiera rossa ha posto fine in anticipo alla giornata di lavoro.

I team si dirgeranno adesso 1000 km più a nord: da giovedì 25 a domenica 28 si svolgerà l'ultima serie di prove a Barcellona, prima della tappa inaugurale del Mondiale in Bahrain.

Classifica

01. Jenson Button – McLaren Mercedes – 1:18.871 – 108 giri
02. Robert Kubica – Renault – 1:19.114 – 117 giri
03. Kamui Kobayashi – Sauber Ferrari – 1:19.188 – 117 giri
04. Vitantonio Liuzzi – Force India Mercedes – 1:19.650 – 80 giri
05. Nico Rosberg – Mercedes – 1:20.061 – 130 giri
06. Fernando Alonso – Ferrari – 1:20.436 – 137 giri
07. Jaime Alguersuari – Toro Rosso Ferrari – 1:21.053 – 139 giri
08. Mark Webber – Red Bull Renault – 1:21.194 – 87 giri
09. Nico Hulkenberg – Williams Cosworth – 1:21.919 – 137 giri
10. Timo Glock – Virgin Cosworth – 1:22.433 – 27 giri
11. Jarno Trulli – Lotus Cosworth – 1:23.470 – 141 giri

Jacopo Rubino


Stop&Go Communcation

Cala il sipario a Jerez de la Frontera, dove si è svolta l'ultima giornata (l'ottava, complessivamente) di prove collettive da […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/f1-200210-01.jpg Test Jerez, Day 4 Report: L’ultimo atto porta la firma di Jenson Button, che precede Kubica e Kobayashi. 4° Liuzzi, 6° Alonso