L'illusione è durata poco più di un'ora. I raggi di sole che filtravano lungo il circuito di Jerez de la Frontera all'accendersi del semaforo verde (alle 9) sono via via spariti con l'addensarsi delle nuvole sul cielo andaluso: qualche minuto dopo le 10 la pioggia è tornata, in quella che sul fronte meteo era del resto attesa come la giornata più ostica.

Il terzo atto della settimana di test non ha quindi molto da dire: i tempi migliori sono stati marcati fino a che la pista è rimasta asciutta, consentendo a Jaime Alguersuari di guadagnarsi la foto di copertina grazie al riferimento 1:19.919, probabilmente ottenuto a serbatoio scarico. Dopo la quasi-leadership di ieri con Buemi, la Toro Rosso va quindi a comandare il gruppo, per quanto possa realmente significare in un contesto così particolare e influenzato dalle condizioni atmosferiche.

I pochi tifosi presenti sulle tribune possono in ogni caso festeggiare una simbolica doppietta spagnola, per merito della seconda posizione di Pedro de la Rosa sulla Sauber, seppur staccato di otto decimi.

La pioggia, divenuta nell'ultima ora e mezza un vero e proprio diluvio, tale da rendere quasi impraticabile il tracciato, ha fortemente limitato i chilometraggi: solo Rubens Barrichello ha fatto eccezione, avendo accumulato la bellezza di 120 giri, durante i quali ha pure rimediato un testacoda alla Curva 9, tradito dalla prima patina d'acqua in mattinata.

L'errore del brasiliano è stato la causa di una delle quattro bandiere rosse di oggi: le altre tre sono state frutto di problemi tecnici. De la Rosa è stato appiedato dalla sua macchina già alle 9:07, seguito da Nico Rosberg (12:42) e da Adrian Sutil (14:48). L'alfiere della Mercedes si è fermato per una sorta di "falso allarme" dei sistemi di controllo montati sulla macchina, mentre il connazionale della Force India ha patito un'avaria di carattere tecnico.

Proprio Sutil figura con il terzo crono odierno, davanti a Felipe Massa, Sebastian Vettel, Vitaly Petrov (il quale ha effettuato varie simulazioni di start con la Renault) e allo stesso Rosberg. Ottavo è Barrichello, nono Lewis Hamilton, impossibilitato ad abbassare il proprio limite iniziale, segnato quasi certamente con tanta benzina a bordo. Il portacolori della McLaren nelle battute conclusive è stato l'unico, assieme a Rosberg, a tentare di percorrere qualche ulteriore tornata, rendendosi però presto conto di quanto fosse complicato.

Nel pomeriggio si è vista uscire dai box pure la Virgin, oggi affidata a Lucas Di Grassi. La scuderia britannica ha atteso l'arrivo dell'alettone anteriore di ricambio, ma si è limitata a coprire una manciata di passaggi a ritmi piuttosto blandi.

Domani ultimo giorno di test collettivi della settimana. La pioggia è attesa solo dopo pranzo: fra i passaggi di testimone programmati, Michael Schumacher riprenderà i comandi della Mercedes, mentre Robert Kubica continuerà lo sviluppo in Renault.

Classifica

01. Jaime Alguersuari – Toro Rosso Ferrari – 1:19.919 – 76 giri
02. Pedro de la Rosa – Sauber Ferrari – 1:20.736 – 58 giri
03. Adrian Sutil – Force India Mercedes – 1:21.428 – 48 giri
04. Felipe Massa – Ferrari – 1:21.603 – 72 giri
05. Sebastian Vettel – Red Bull Renault – 1:21.783 – 59 giri
06. Vitaly Petrov – Renault – 1:22.000 – 68 giri
07. Nico Rosberg – Mercedes – 1:22.820 – 53 giri
08. Rubens Barrichello – Williams Cosworth – 1:23.217 – 120 giri
09. Lewis Hamilton – McLaren Mercedes – 1:23.985 – 68 giri
10. Lucas Di Grassi – Virgin Cosworth – 1:37.107 – 8 giri

Jacopo Rubino


Stop&Go Communcation

L'illusione è durata poco più di un'ora. I raggi di sole che filtravano lungo il circuito di Jerez de la […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/f1-120210-01.jpg Test Jerez, Day 3 Report: Jaime Alguersuari fa il miglior tempo in mattinata, poi la pioggia blocca tutto