Ricomincia da dove aveva lasciato. A distanza di cinque giorni dal trionfo iridato, Sebastian Vettel è ancora in azione sul circuito di Abu Dhabi, concludendo davanti a tutti la sessione mattutina della prima giornata dedicata alla scoperta dei nuovi pneumatici Pirelli. Il pilota tedesco della Red Bull Racing ha ottenuto il miglior tempo in 1:40.861, lontano 1″5 dalla pole position che sabato scorso aveva messo a segno nelle qualifiche. Vettel si è consolidato al comando attorno a metà mattinata, superando la Ferrari di Felipe Massa per appena cinque centesimi.

McLaren a parte, che ha deciso di affidarsi al collaudatore Gary Paffett, mentre la Hispania ha schierato Pastor Maldonado (come martedì), tutte le scuderie hanno messo in campo uno dei propri piloti titolari, con l’obiettivo di avere una panoramica più precisa possibile sul comportamento delle coperture italiane.

È ovviamente presto per esprimersi in maniera approfondita sulle prestazioni, ma il confronto con le vecchie gomme Bridgestone appare già decisamente incoraggiante: bisogna considerare che i team hanno imbarcato tutti un discreto quantitativo di carburante, e hanno senza dubbio necessità di affinare gli assetti.

In terza posizione si è inserito Robert Kubica con la Renault, vicinissimo al duo di testa. Quarto è invece Kamui Kobayashi con la Sauber, che nel pomeriggio lascerà il testimone al debuttante Sergio Perez, suo prossimo compagno di box. A seguire troviamo Paffett, che ha accumulato il maggior numero di tornate, 49. Sono alle sue spalle Nico Rosberg (Mercedes) e Jaime Alguersuari, il primo in assoluto a scendere in pista con la Toro Rosso. 8° crono per Rubens Barrichello, impegnato inoltre in comparazioni di carattere aerodinamico volute dalla Williams.

Grande sfortuna per la Force India. Adrian Sutil ha percorso soltanto 20 tornate, a causa di un problema ad uno scarico che lo ha costretto a fermarsi in anticipo. I meccanici sono al lavoro per sistemare l’inconveniente, e dopo pranzo toccherà al tester Paul Di Resta proseguire il programma stilato.

La Virgin, insieme a Timo Glock, ha capeggiato il terzetto delle formazioni esordienti, tenendo a debito margine la Lotus di Heikki Kovalainen e la Hispania del già citato Maldonado.

Classifica

01. Sebastian Vettel – Red Bull Renault – 1:40.861
02. Felipe Massa – Ferrari – 1:40.913
03. Robert Kubica – Renault – 1:41.032
04. Kamui Kobayashi – Sauber Ferrari – 1:41.466
05. Gary Paffett – McLaren Mercedes – 1:41.588
06. Nico Rosberg – Mercedes – 1:41.978
07. Jaime Alguersuari – Toro Rosso Ferrari – 1:42.642
08. Rubens Barrichello – Williams Cosworth – 1:42.655
09. Adrian Sutil – Force India Mercedes – 1:42.859
10. Timo Glock – Virgin Cosworth – 1:45.057
11. Heikki Kovalainen – Lotus Cosworth – 1:46.201
12. Pastor Maldonado – Hispania Cosworth – 1:46.534

Jacopo Rubino


Stop&Go Communcation

Ricomincia da dove aveva lasciato. A distanza di cinque giorni dal trionfo iridato, Sebastian Vettel è ancora in azione sul […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/f1-191110-01.jpg Test Abu Dhabi, Day 3 (Mattina): L’era Pirelli comincia con il neocampione Vettel al comando