Nell’eterna querelle che da settimane oppone la scuderia diretta dall’imprenditore malese Tony Fernandes al Group Lotus capeggiato da Dany Bahar, ora azionista del Lotus Renault GP Team, il manager fondatore della compagnia aerea Air Asia ha deciso di compiere un passo indietro almeno per quanto attiene alla diatriba sulle livree 2011, con entrambe le formazioni intenzionate in origine ad adottare la pigmentazione giallo-nera ammirata a metà anni Ottanta nei colori John Player Special.

Quasi scontato, dunque, che Team Lotus opti per il mantenimento della livrea verde-oro già vista nel corso del 2010 sulle vetture di Jarno Trulli ed Heikki Kovalainen quale omaggio alle monoposto guidate dall’indimenticato campione scozzese Jim Clark, uomo di riferimento per Colin Chapman dal 1960 al 1968.

Avere quattro vetture dello stesso colore sarebbe una mossa stupida – ha spiegato con onestà Fernandes ai microfoni dell’agenzia ‘Reuters’ – è ovvio che a questo punto una delle due squadre deve cedere al fine di lasciar cadere la disputa. Non siamo così infantili da farci guidare dall’emotività in ogni questione, quindi non diremo ‘oh no, non potremo dipingere le nostre monoposto come volevamo’, del resto lo stile del Team Lotus è votato al pragmatismo”.

Fernandes sembra inoltre porsi sulla medesima lunghezza d’onda di Bahar, per nulla infastidito dalla possibilità, di giorno in giorno sempre più concreta, di vedere sullo schieramento 2011 due scuderie contrassegnate dal nome Lotus: “Sotto questo punto di vista non ravviso alcun tipo di problema”.

Tramite il popolare social network Twitter, intanto, si apprende che il tycoon britannico Richard Branson, in virtù della scommessa persa con Fernandes sul piazzamento di Virgin e Lotus nella classifica costruttori 2010, pagherà pegno il prossimo 21 febbraio salendo sull’aereo diretto da Londra a Kuala Lumpur vestito nella tradizionale uniforme delle hostess Air Asia. Anche questo, soprattutto se si parla di teams di piccole dimensioni, è un artificio utile a guadagnare qualche trafiletto in più sui giornali di mezzo mondo… 

Ermanno Frassoni


Stop&Go Communcation

Nell’eterna querelle che da settimane oppone la scuderia diretta dall’imprenditore malese Tony Fernandes al Group Lotus capeggiato da Dany Bahar, […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/lotus.jpg Team Lotus manterrà la livrea vista nel 2010. Fernandes: “Avere quattro vetture dello stesso colore sarebbe stupido”