Era facile prevedere una doppietta Red Bull nelle qualifiche del Gran Premio del Giappone: meno facile era immaginare che a guidare il gruppo ci sarebbe stato Mark Webber, alla sua prima pole stagionale dopo un parziale di quattordici risultati a zero favorevoli al suo compagno di squadra Sebastian Vettel.

Il tre volte campione del mondo è secondo, non perfetto nel giro decisivo, e alla fine staccato di una manciata di centesimi: entrambi hanno comunque staccato gli avversari di quasi tre decimi, con Lewis Hamilton primo degli inseguitori, in terza posizione davanti a Grosjean.

Dalla quarta posizione in poi i distacchi sono ridottissimi: il francese ha preceduto Massa e Rosberg nello spazio di tre centesimi, con il tedesco che non ha nascosto un gesto di stizza durante le operazioni di pesatura mentre guardava il monitor dei tempi. Un ritardo così piccolo, per lui, gli costa un pesante distacco dal compagno di squadra.

Dietro di loro, più staccati, Nico Hulkenberg e Fernando Alonso, con lo spagnolo che si è fermato a sette decimi da Webber, a tre dal compagno di squadra, e domani dovrà accontentarsi della quarta fila davanti a Raikkonen e Button con la prima McLaren.

Fuori in Q2, invece, Sergio Perez: il messicano sarà domani in sesta fila al fianco di Paul di Resta, entrambi fuori dalla Top 10 per pochi centesimi: più staccati Bottas, tredicesimo, e Gutierrez, quattordicesimo dopo che in Q1 il pilota Sauber era saltato fuori dalla sua monoposto a causa di un principio d’incendio nei primi minuti della sessione.

Ai margini della seconda manche Pastor Maldonado e Daniel Ricciardo, con il pilota della Toro Rosso che ha deciso di fare un solo giro di pista, negli ultimi secondi della Q2, ma la strategia non ha pagato.

Non è andata meglio al compagno di squadra Vergne, eliminato in Q1 dopo che i freni posteriori della sua Toro Rosso hanno preso fuoco costringendolo a fermare la sua monoposto a bordo pista: un periodo di bandiera rossa è stato necessario per spegnere la vettura e ripulire la pista dalla schiuma anti incendio.
Alla ripresa delle attività in pista non sono bastati gli sforzi di Adrian Sutil per passare alla seconda manche, e domani sarà col francese in nona fila davanti al quartetto di coda: stavolta è Chilton che si prende la pole degli altri davanti alle Caterham di Pic e van der Garde, con Bianchi ultimo.

Classifica

1. Mark Webber – Red Bull-Renault – 1:30.915
2. Sebastian Vettel – Red Bull-Renault – 1:31.089 – +0.174
3. Lewis Hamilton – Mercedes – 1:31.253 – +0.338
4. Romain Grosjean – Lotus-Renault – 1:31.365 – +0.450
5. Felipe Massa – Ferrari – 1:31.378 – +0.463
6. Nico Rosberg – Mercedes – 1:31.397 – +0.482
7. Nico Hulkenberg – Sauber-Ferrari – 1:31.644 – +0.729
8. Fernando Alonso – Ferrari – 1:31.665 – +0.750
9. Kimi Raikkonen – Lotus-Renault – 1:31.684 – +0.769
10. Jenson Button – McLaren-Mercedes – 1:31.827 – +0.912

11. Sergio Perez – McLaren-Mercedes – 1:31.989 – +0.699
12. Paul di Resta – Force India-Mercedes – 1:31.992 – +0.702
13. Valtteri Bottas – Williams-Renault – 1:32.013 – +0.723
14. Esteban Gutierrez – Sauber-Ferrari – 1:32.063 – +0.773
15. Pastor Maldonado – Williams-Renault – 1:32.093 – +0.803
16. Daniel Ricciardo – Toro Rosso-Ferrari – 1:32.485 – +1.195

17. Adrian Sutil – Force India-Mercedes – 1:32.890 – +1.066
18. Jean-Eric Vergne – Toro Rosso-Ferrari – 1:33.357 – +1.533
19. Max Chilton – Marussia-Cosworth – 1:34.320 – +2.496
20. Charles Pic – Caterham-Renault – 1:34.556 – +2.732
21. Giedo van der Garde – Caterham-Renault – 1:34.879 – +3.055
22. Jules Bianchi – Marussia-Cosworth – 1:34.958 – +3.134

Massimo Caliendo

 


Stop&Go Communcation

Era facile prevedere una doppietta Red Bull nelle qualifiche del GP del Giappone: meno facile era immaginare che a guidare il gruppo ci sarebbe stato Webber.

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2013/10/suzuka_2013_qualifiche_webber.jpg Suzuka, Qualifiche: Doppietta Red Bull, ma in pole position c’è Webber!